NUOVO ALLARME PER LE SIGARETTE ELETTRONICHE INVIATA UNA LETTERA APERTA AI PARLAMENTARI EUROPEI E NAZIONALE

NUOVO ALLARME PER LE SIGARETTE ELETTRONICHE INVIATA UNA LETTERA APERTA AI PARLAMENTARI EUROPEI E NAZIONALE

Nonostante il voto del Parlamento Europeo contro una regolamentazione farmacologica delle e-cig, la Commissione Europea cerca di ribaltare la decisione. La Lega Italiana Anti Fumo diffonde la lettera di protesta di otto esperti internazionali in tabagismo indirizzata ai parlamentari nazionali ed europei.
“La nuova proposta è francamente agghiacciante – dichiara il Prof. Riccardo Polosa, uno degli otto esperti internazionali firmatari della lettera – Non è accettabile che si riproponga la equiparazione della sigaretta elettronica a un farmaco o, peggio ancora, a una sigaretta convenzionale. Questi prodotti non condividono nulla né con l’una né con l’altra categoria, e tuttavia si cerca di farla passare come un mix di entrambi facendosi beffa della salute di milioni di fumatori europei”
Sul sito di LIAF è possibile consultare il testo completo della lettera indirizzata al Parlamento Europeo e al Parlamento Italiano.
Precedente Primo Forum Industriale sulla Sigaretta Elettronica a New York
Prossimo Si riaccende in UE la battaglia per il futuro delle sigarette elettroniche

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

Legge sulla riduzione del danno: la Regione Marche non sarà l’unica

Nella Regione Marche la legge Carloni proseguirà il percorso della Riduzione del danno da fumo. Per Riccardo Polosa: “non sarà l’unica”.

Comunicati stampa

I volontari del 41° Stormo dell’Aeronautica Militare Italiana sperimenteranno per un anno le sigarette elettroniche

Presentato al 41° Stormo di Sigonella l’unico studio clinico europeo sulle sigarette elettroniche Continua lo studio clinico sulle e-cig svolto dall’Università di Catania in collaborazione con LIAF-Onlus e Categoria®, avvalendosi

Comunicati stampa

Osteoporosi: fumo e depressione fattori di rischio

Sono stati presentati i dati conclusivi del “Progetto Osteoporosi in Farmacia” svolto dall’Università di Catania in collaborazione con 60 farmacisti del circuito Farmacia OK del gruppo SOFAD, i medici dell’Azienda