Nuovo studio italiano su e-cig ne conferma sicurezza e efficacia

Nuovo studio italiano su e-cig ne conferma sicurezza e efficacia

Entusiasmo per LIAF dopo la notizia della pubblicazione di un ulteriore studio sull’efficacia della sigaretta elettronica come strumento alternativo per smettere di fumare.

I risultati, infatti – come dichiarato dal prof. Ricciardi – suggeriscono che: “La sigaretta elettronica non serve probabilmente per smettere di fumare – ha spiegato – tutt’al più può essere un’alternativa per gli ex fumatori a non tornare a fumare sigarette. Questi primi dati – continua – ci dicono che, nel campione monitorato, si è dimostrata abbastanza sicura. Tra i fumatori di sigaretta elettronica, per ora, infatti, non si sono mostrati effetti avversi di rilievo”.

“Siamo contenti – ha dichiarato la prof.ssa Lidia Proietti, presidente LIAF – di comprendere che la nostra battaglia per una maggiore qualità della ricerca scientifica venga condivisa anche da altre istituzioni sanitarie ed universitarie italiane. Come fautori dei primi studi al mondo sulla sigaretta elettronica – ha aggiunto – sapere che la ricerca di soluzione alternative per combattere il tabagismo è obiettivo ormai condiviso dalla gran parte della comunità scientifica internazionale ci inorgoglisce e ci stimola ad una sempre maggiore efficienza in questo campo”.

Per come è stato concepito questo studio osservazionale – puntualizza il prof. Riccardo Polosa, responsabile scientifico LIAF – è difficile poter affermare che la elettronica non sia efficace come strumento per smettere; infatti si sarebbe dovuto analizzare il comportamento in parallelo di un gruppo di intervento come ad esempio quello di una popolazione di fumatori che provano per la prima volta le sigarette elettroniche. Per gli stessi motivi di ordine metodologico – ha aggiunto lo scienziato – non é possibile stabilire che possano aiutare a non ricadere nel vizio del fumo dato che per dimostrarlo bisognerebbe confrontarne il comportamento con un apposito gruppo di controllo, come ad esempio quello di ex-fumatori seguiti per un certo numero di anni in parallelo con utilizzatori di sigaretta elettronica”.
 

“Di fatto – conclude Polosa – questo studio era stato originariamente concepito per stabilire l’incidenza di malattie fumo correlate e di fattori di rischio cardiovascolare nel tempo tra gli utilizzatori di sigarette elettroniche a confronto con i fumatori”.

 

Leggi anche:

Precedente Polosa coordinatore del gruppo di lavoro nazionale per gli standard di qualitá e sicurezza delle e-cig
Prossimo U-Biopred 2015: Unict presenta un nuovo studio su asma e fumo

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

Centro Antifumo di Catania e Università di New York insieme per un nuovo progetto

Partirà a breve, infatti, il nuovo progetto di ricerca che ha l’obiettivo di valutare l’efficacia nel tempo dell’utilizzo della sigaretta elettronica tra i pazienti fumatori affetti da schizofrenia. La possibilità di utilizzare uno strumento alternativo al fumo di sigaretta convenzionale, consentirebbe a questi soggetti di ridurre i danni nel tempo senza abbandonare drasticamente la gestualità tipica legata al fumo della bionda.

News

Supertassa sulle sigarette elettroniche: il punto di vista della Liaf

Siamo alle solite, nonostante i ripetuti slogan e messaggi propagandistici, alla fine il governo per sistemare le sue coperture finanziarie fa quello che tutti i governi precedenti, a memoria d’uomo,

In evidenza

Donne e fumo, prevenire si può

In Italia, fumare la sigaretta convenzionale è un abitudine di sesso più femminile che maschile. La prevenzione è possibile. E si deve.