On line il bando di idee per la realizzazione del logo CoEHAR

On line il bando di idee per la realizzazione del logo CoEHAR

E’ appena stato pubblicato il bando per il concorso di idee volto alla realizzazione del logo CoEHAR, il Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno da Fumo del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Università degli Studi di Catania diretto dal prof. Riccardo Polosa.

Il bando è rivolto a studenti, dottorandi e giovani laureati da non più di 3 anni dell’ateneo catanese. Il termine ultimo per la presentazione degli elaborati è il 5 Novembre 2018. La proposta progettuale dovrà contenere l’elaborato grafico del logo e una breve relazione che descriva il concept del progetto.

L’ideatore del miglior logo CoEHAR vincerà un premio in denaro di euro 500,00 che sarà conferito con provvedimento del Magnifico Rettore, Francesco Basile.

Il logo dovrà rappresentare l’identità internazionale del CoEHAR e la sua più importante mission: rendere il mondo libero dal fumo.

Una giuria di esperti valuterà gli elaborati pervenuti sulla base dell’efficacia comunicativa, del valore estetico e della facilità di riproduzione. Il logo nuovo sarà presentato in occasione della cerimonia inaugurale del Centro di Ricerca catanese che si terrà nel mese di Dicembre.

Stiamo lavorando alla creazione di un Centro di Ricerca che, per la prima volta al mondo – ha detto Polosa – produrrà scienza con un sistema innovativo. Un approccio scientifico creativo e rivoluzionario consente di studiare i meccanismi che regolano la dipendenza tabagica con dirompente determinazione e con una molto più diretta efficacia. Siamo nel bel mezzo di un cambiamento epocale, e vogliamo che a guidarci siano le idee dei nostri giovani talenti“.

Precedente COP8 a Ginevra: un nuovo report di politica internazionale critica l’operato dell’OMS
Prossimo COP 8 - Polosa: "Sancita la distinzione tra e-cig e bionda"

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

I medici di base: i prodotti a rischio ridotto rappresentano una opzione valida

Claudio Cricelli, presidente della Società Italiana di Medicina Generale: “Riteniamo peraltro che il Medico di Base debba farsi carico anche di minimizzare i fattori di rischio per quella popolazione – quasi il 25% – che non vuole o non riesce a smettere di fumare. I prodotti a rischio ridotto rappresentano una opzione valida se correttamente indicati e sempre associati alle tecniche di disassuefazione”

Comunicati stampa

Che le sigarette elettroniche possano provocare attacchi epilettici è inverosimile

Ci sarebbe una relazione tra l’uso di elettroniche e l’epilessia. E’ l’allarme lanciato dalle autorità americane che non risulta comprovato dalle evidenze .

Comunicati stampa

Riccardo Polosa sul parere del Ministero: il principio di precauzione non è giustificato dalle evidenze

Anche il prof. Riccardo Polosa interviene sulla questione tassa in Italia: “Inammissibile il parere del Ministero sulla questione riduzione del danno. Il ricorso al principio di precauzione non è giustificato dalle evidenze scientifiche. Public Health England, Royal College of Physicians, e il National Academy of Science hanno pubblicato report ufficiali con i quali si evince chiaramente che le e-cig sono almeno il 95% meno dannose delle sigarette convenzionali