On line il bando di idee per la realizzazione del logo CoEHAR

On line il bando di idee per la realizzazione del logo CoEHAR

E’ appena stato pubblicato il bando per il concorso di idee volto alla realizzazione del logo CoEHAR, il Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno da Fumo del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Università degli Studi di Catania diretto dal prof. Riccardo Polosa.

Il bando è rivolto a studenti, dottorandi e giovani laureati da non più di 3 anni dell’ateneo catanese. Il termine ultimo per la presentazione degli elaborati è il 5 Novembre 2018. La proposta progettuale dovrà contenere l’elaborato grafico del logo e una breve relazione che descriva il concept del progetto.

L’ideatore del miglior logo CoEHAR vincerà un premio in denaro di euro 500,00 che sarà conferito con provvedimento del Magnifico Rettore, Francesco Basile.

Il logo dovrà rappresentare l’identità internazionale del CoEHAR e la sua più importante mission: rendere il mondo libero dal fumo.

Una giuria di esperti valuterà gli elaborati pervenuti sulla base dell’efficacia comunicativa, del valore estetico e della facilità di riproduzione. Il logo nuovo sarà presentato in occasione della cerimonia inaugurale del Centro di Ricerca catanese che si terrà nel mese di Dicembre.

Stiamo lavorando alla creazione di un Centro di Ricerca che, per la prima volta al mondo – ha detto Polosa – produrrà scienza con un sistema innovativo. Un approccio scientifico creativo e rivoluzionario consente di studiare i meccanismi che regolano la dipendenza tabagica con dirompente determinazione e con una molto più diretta efficacia. Siamo nel bel mezzo di un cambiamento epocale, e vogliamo che a guidarci siano le idee dei nostri giovani talenti“.

Precedente COP8 a Ginevra: un nuovo report di politica internazionale critica l’operato dell’OMS
Prossimo COP 8 - Polosa: "Sancita la distinzione tra e-cig e bionda"

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Curiosità

Centro Antifumo di Catania e Università di New York insieme per un nuovo progetto

Partirà a breve, infatti, il nuovo progetto di ricerca che ha l’obiettivo di valutare l’efficacia nel tempo dell’utilizzo della sigaretta elettronica tra i pazienti fumatori affetti da schizofrenia. La possibilità di utilizzare uno strumento alternativo al fumo di sigaretta convenzionale, consentirebbe a questi soggetti di ridurre i danni nel tempo senza abbandonare drasticamente la gestualità tipica legata al fumo della bionda.

In evidenza

Riccardo Polosa al Senato Australiano: non limitate la scelta del singolo, è per il suo bene

LIAF, tramite il suo responsabile scientifico prof. Riccardo Polosa, invia un commento ufficiale al Senato Australiano per guidarlo nell’adozione di misure razionali ed equilibrate che possano favorire, e non ostacolare, la diffusione della sigaretta elettronica come un prodotto dal grande potenziale per il miglioramento della salute pubblica.

In evidenza

Sigarette elettroniche: 5 bufale da sfatare

Sono passati pochi giorni dalla pubblicazione dell’ultimo report del Public Health England e le fake news sono già in circolo in tutta la rete. Ecco le risposte che LIAF ha preparato per voi a quelle più diffuse e più false.