Parte la prima Summer School on Project Management sulla Riduzione del danno da fumo

Parte la prima Summer School on Project Management sulla Riduzione del danno da fumo

Catania 27 Settembre 2019 – Sono 15 gli studenti provenienti da 11 Paesi diversi per partecipare alla prima Summer School in Project Management (ISPM) organizzata dal CoEHAR, il Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno da Fumo, diretto dal prof. Riccardo Polosa.  Dall’1 al 6 Ottobre, nella splendida cornice dell’Una Hotel Beach di Giardini Naxos, Taormina, i ragazzi selezionati da una Commissione scientifica d’ateneo seguiranno le lezioni dei massimi esperti in design e gestione di progetti orientati alla ricerca scientifica e clinica.

Martedì 1 Ottobre dalle ore 10 alle 12 il Magnifico Rettore Francesco Priolo aprirà i lavori della Scuola con una lezione inaugurale in Rettorato, in Piazza Università. 

L’International Summer School on Project Management, capitanata dalla dott.ssa Daniela Saitta (Project Manager del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale), è il primo dei 9 progetti avviati di recente dal CoEHAR e ha l’obiettivo di formare professionisti della gestione di progetti di ricerca, con un focus specifico sulle scienze della salute. 

“I progetti di ricerca del CoEHAR sono programmi che riguardano il monitoraggio e l’innovazione scientifica e tecnologica, piani di formazione e internazionalizzazione e iniziative territoriali che vedono coinvolti tutti gli ospedali siciliani impegnati nell’implementazione di un servizio specifico che aiuterà i pazienti a smettere di fumare. Siamo al centro di una rivoluzione scientifica che parte con orgoglio proprio da Catania” – così il direttore CoEHAR, prof. Riccardo Polosa.  

I 15 studenti selezionati per la Scuola di Alta formazione sono (foto in allegato): Robert Gboluma (Liberia), Jeremy Coats (USA), Rachel Sadok (Spagna), Francie Patel (India), Heshman Nasr (Paesi Bassi), Charles Chawezi Ndlovu (Malawi), Christopher Ugwuibe Onyemaechi (Nigeria), Ashok Pandey (Nepal), Lia Roque Assumpcao (Brasile), Eliana Golberstein Rubashkyn (Nuova Zelanda), Carmen Escrig (Spagna), Marta Regolo, Agostino Milluzzo, Vincenzo Villari, Marta Mangione (Italia).

English version

More information

Precedente I tuoi vestiti puzzano di fumo?
Prossimo LIAF alla Notte dei Ricercatori

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 226 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Approfondimenti

Dilaga la sfiducia degli americani nei confronti delle organizzazioni pubbliche

“La fiducia degli americani nei confronti delle istituzioni nazionali ed internazionali è oggi più bassa che mai. Se tale mancanza di fiducia si estende alle istituzioni sanitarie, può portare a tragiche conseguenze”

Curiosità

Fumo e tecnologia: due nuove frontiere

La più grande dipendenza che affrontiamo oggi è quella legata alla tecnologia. Abbiamo paura di diventare “Addict” di quasi tutti gli strumenti tecnologici che utilizziamo. Siamo a rischio dipendenza. Ma

Iniziative

Mondiali di Calcio: sarà vietato fumare negli stadi

Il portavoce della Fifa, Jerome Volcke, ha annunciato che in Brasile in occasione della Confederation Cup che si terrà il prossimo giugno e dei Mondiali di Calcio del 2014 Non