LIAF alla Notte dei Ricercatori

LIAF alla Notte dei Ricercatori

Durante la Notte dei Ricercatori, anche LIAF e CoEHAR hanno partecipato alle numerose manifestazioni che si sono tenute in giro per l’Italia e soprattutto a Catania.

L’ateneo ha infatti illuminato il centro storico catanese con numerosi stand e attività coordinate dagli stessi ricercatori.

Tra loro anche il prof. Pasquale Caponnetto, coordinatore del CPCT – Centro Prevenzione e Cura al Tabagismo del Policlinico Vittorio Emanuele di Catania ed un gruppo di giovani assistenti alla salute.

Precedente Parte la prima Summer School on Project Management sulla Riduzione del danno da fumo
Prossimo I Project manager della ricerca clinica alla prima edizione della ISPM

Autore

Gabriella Finocchiaro
Gabriella Finocchiaro 38 articoli

Gabriella Finocchiaro, giornalista siciliana impegnata da anni nelle più importanti emittenti televisive della Sicilia è la nuova redattrice del sito LIAF. Appassionata di sport, soprattutto di pallavolo e calcio, è stata consulente anche per amministrazioni locali e provinciali e portavoce di sindaci e presidenti. Microfono e telecamera in mano, Gabriella è il volto della cronaca e della politica regionale. Il suo primo amore è stato la radio, lo strumento che le ha consentito di entrare a far parte del mondo giornalistico. Ama il teatro, il cinema, la musica, gli animali e soprattutto la vita! Gabriella crede tantissimo nelle possibilità offerte dalla comunicazione sociale e dalla diffusione di messaggi positivi a tutela degli altri. Oggi si scommette in una nuova avventura con LIAF che trova già entusiasmante!

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Iniziative

Nel mondo resterà solo l’Etna a fumare

I ragazzi di Paternò hanno partecipato ad una intera giornata di escursione sull’Etna, guidata dall’associazione Maremonti. Con loro c’erano anche i docenti dell’istituto, i referenti del CoEHAR e alcuni giornalisti del territorio.

In evidenza

Gran Bretagna: adesso i Centri Antifumo possono far smettere di fumare con le e-cig

L’Autorità Sanitaria Nazionale inglese che regola e norma le attività dei servizi britannici di smoking cessation (NCSCT – UK National Centre for Smoking Cessation and Training) ha da pochi giorni autorizzato e incentivato tutti i Centri Antifumo del territorio nazionale a prevedere nei propri percorsi di disassuefazione dal tabagismo anche l’utilizzo delle sigarette elettroniche.

In evidenza

Sigarette elettroniche e sostenibilità delle nuove regole. Subito un odg e un ulteriore emendamento per trovare correttivi utili.

L’approvazione dell’emendamento Vicari, che riguarda il divieto di vendita delle sigarette elettroniche online e la successiva sentenza della Consulta che impone un’imposta a tutti i liquidi, anche quelli senza nicotina, ha creato la sensazione che si voglia spazzare via un intero settore.
Sono iniziati così i lavori della tavola rotonda che si è tenuta il 29 novembre 2017 a Palazzo Valdina a Roma (Camera dei Deputati) durante il quale si è cercato di fare luce sulle soluzioni in campo e sui margini di collaborazione tra industria, istituzioni e associazioni di categoria.