R. Polosa a Las Vegas per parlare di tossicologia delle e-cig

R. Polosa a Las Vegas per parlare di tossicologia delle e-cig

Si sta svolgendo proprio in questi giorni a Las Vegas, in Nevada, il 36esimo Meeting Annuale dell’American College of Toxicology che riunisce ogni anno scienziati di tutto il mondo per parlare di Tossicologia e delle nuove evidenze scientifiche sull’argomento.

act las vegas

“Un luogo ideale – ha annunciato il presidente Mary Ellen Cosenza  per restare al passo con le tendenze emergenti nella disciplina della tossicologia, per rimanere in contatto con amici e colleghi, e per fare attivare nuovi contatti. Il Consiglio ed il Comitato dell’American College of Toxilogy  continuano a garantire lo sviluppo di simposi con corsi di formazione direttamente applicabili alla pratica quotidiana della tossicologia”.

Nell’ambito del simposio dedicato esclusivamente alla tossicologia delle sigarette elettroniche quest’anno, infatti, tra i relatori più attesi, anche il nostro responsabile scientifico prof. Riccardo Polosa che proprio dal palcoscenico del Red Rock Resort ha illustrato ieri le nuove frontiere nella cura delle malattie fumo correlate grazie all’utilizzo delle elettroniche.

Mentre l’evidenza scientifica sui benefici relativi alla diffusione delle elettroniche come sostitute delle bionde sta rapidamente crescendo, permane ancora una mancanza di consenso per quanto riguarda la regolamentazione e le norme sulla valutazione del prodotto. Quello americano, a tal proposito, è un momento importante per confrontarsi e per fare il punto sulla situazione internazionale, scientifica e normativa, che vede le e-cig al centro di un dibattito acceso.

IMG_0159 (2)

Riccardo Polosa – ACT 2015, Las Vegas

Nel suo messaggio il prof. Polosa ha puntato l’attenzione sull’importanza di sostituire il fumo di sigarette convenzionali con lo svapo di quelle elettroniche, soprattutto per alcuni pazienti affetti da malattie fumo-correlate: “Miglioramento della funzione polmonare e dei sintomi respiratori con risultati oggettivi nei soggetti affetti da asma – ha spiegato – e miglioramento evidente dei livelli di pressione sanguigna nei pazienti ipertesi. L’esposizione al vapore elettronico, anche nelle popolazioni vulnerabili (come gli asmatici e gli ipertesi) non comporta il verificarsi di un acutizzazione dei sintomi, anzi, le elettroniche rappresentano una alternativa sicura anche nei fumatori affetti da malattie croniche”.

Di seguito il programma completo del Simposio “Tossicologia delle sigarette elettroniche” che ha visto protagonista il prof. Riccardo Polosa

  • Achieving Harm Reduction in Tobacco
    Riccardo Polosa, Centre for Tobacco Research (CPCT), Catania, Italy
  • Physical Chemical Assessment of E-Cigarette Aerosol
    Jed Rose, Duke University Medical Center, Durham, NC
  • Human Studies with E-Cigarettes
    Maciej Goniewicz, Roswell Park Cancer Institute, Buffalo, NY
  • Systems Toxicology-Based Assessment of E-Liquids
    Manuel Peitsch, Philip Morris International R&D, Neuchâtel, Switzerland
Precedente Cosa consigliare ai pazienti che intendono utilizzare le sigarette elettroniche
Prossimo Royal Society di Londra - Summit sulle e-cig 2015: l'intervento del prof. Polosa

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 226 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Comunicati stampa

Le elettroniche non modificano le capacità cognitive. E se Camilleri svapasse?

La sigaretta elettronica non toglie l’attenzione e la gestualità. A dimostrarlo è il team di ricercatori del Centro per la Prevenzione e Cura al Tabagismo dell’Università degli Studi di Catania coordinato dal prof. Pasquale Caponnetto.

Approfondimenti

Polosa al GFN 2018 come consigliere scientifico di INNCO

Per l’edizione 2018, il prof. Riccardo Polosa ha avuto l’onore di rappresentare la parte scientifica di INNCO, la potente coalizione globale di associazioni di svapatori nata in Svizzera con lo scopo di ridurre il danno provocato dal fumo di tabacco sostenendo e promuovendo il diritto di tutti i fumatori di scegliere strumenti alternativi più sicuri e meno dannosi per la salute.

In evidenza

Giornata mondiale dell’asma 2016 – Priorità alla lotta al tabagismo

In occasione della Giornata Mondiale dell’Asma indetta per oggi, martedì 3 maggio 2016, dall’Organizzazione Internazionale GINA (Global Iniziative for Asthma), anche quest’anno i medici del Reparto di Medicina Interna e D’Urgenza del Policlinico di Catania con il sostegno dei ricercatori della Lega Italiana Anti Fumo hanno collaborato alla promozione delle attività di sensibilizzazione sul tema in ambito internazionale.