Polosa coordinatore del gruppo di lavoro nazionale per gli standard di qualitá e sicurezza delle e-cig

Polosa coordinatore del gruppo di lavoro nazionale per gli standard di qualitá e sicurezza delle e-cig

Ordinario di Medicina Interna, Direttore Clinica Medica Policlinico Universitario di Catania e direttore scientifico di LIAF e soprattutto tra gli autori più produttivi al mondo nel campo della ricerca applicata sulla sigaretta elettronica, il prof. Riccardo Polosa è anche il coordinatore del gruppo di lavoro nazionale per le “Sigarette elettroniche e relativi liquidi”.

Il gruppo di lavoro svolgerà attività di interfaccia con il tavolo tecnico TC 437 “Electronic cigarettes and e-liquids” della European Committee for Standardization (CEN) al fine di armonizzare a livello nazionale l’attività normativa europea. Nello specifico il gruppo di lavoro nazionale sarà chiamato a contribuire alla stesura delle attività del CEN TC 437 e a commentare e votare i testi durante le inchieste ufficiali che saranno effettuate dal CEN TC 437. La composizione del gruppo di lavoro è variegata e tiene conto di tutte le parti interessate includendo produttori di liquidi elettronici, multinazionali del tabacco, associazioni dei rivenditori, associazioni dei consumatori, associazioni dei produttori, importatori e distributori oltre alle autorità per la tutela della salute pubblica (Università di Catania e Istituto Superiore di Sanità).

Da tempo LIAF denuncia l’atteggiamento irresponsabile e non basato sulle evidenze della Commissione Europea nei confronti delle sigarette e dei liquidi elettronici.

Leggi questi:

Da un lato, non si è riscontrato alcuno sforzo per far progredire la conoscenza delle e-cig, dall’altro la Commissione ha messo il massimo dell’impegno per cercare di sabotare il potenziale positivo delle sigarette elettroniche sulla salute pubblica. LIAF auspica che l’attività dei gruppi di lavoro dei diversi stati membri della EU si coordinino per evitare che un eccesso di attività regolatoria possa de facto portare alla estinzione della sigaretta elettronica.

“Sono lusingato del ruolo che mi è appena stato conferito dall’UNI – ha commentato Polosa – ma anche preoccupato della grande responsabilità che deriva da questa nomina prestigiosa. Credo si tratti di un momento di particolare orgoglio per l’ateneo catanese, unico in Italia ad avere un proprio rappresentante a questo importante tavolo tecnico. Mi impegnerò affinché i lavori del gruppo siano improntati a semplificare al massimo le attività di standardizzazione, mettendo sempre al primo posto il rispetto per la salute e la soddisfazione dell’utilizzatore finale”.

 

 

 

Precedente Il divieto di svapo nei luoghi pubblici e nei luoghi di lavoro
Prossimo Nuovo studio italiano su e-cig ne conferma sicurezza e efficacia

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 220 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

Il “toast bruciato” di Polosa al Parlamento inglese

Riportando l’esempio del toast bruciato, Polosa ha spiegato alla Commissione Parlamentare inglese che molte delle notizie diffuse dai media si basano su valutazioni di laboratorio che non rispettano standard di riferimento ufficiali. 

Approfondimenti

I giorni della rivoluzione

Un mese di rivoluzione epocale. A pochi giorni ormai dall’imminente inaugurazione del primo Centro di Ricerca italiano per la Riduzione del Danno da Fumo, la Camera dei Deputati alle 13,00 di oggi ha approvato il decreto fiscale che riduce del 90 per cento l’attuale imposizione fiscale sui liquidi per sigarette elettroniche senza nicotina e dell’80 per cento su quelli con nicotina.

In evidenza

Andrea Scacchi: “Sono uno svapatore per caso”

Storia di uno svapatore: “Ho comprato la mia prima ecig non per smettere di fumare o per ridurre le sigarette giornaliere ma per poter fumare in volo, invece sin dal primo giorno di utilizzo cosi tanto per provare come funzionava e non farmi trovare impreparato in aereo, mi sono ritrovato a fumare 2 sole sigarette senza neanche rendermene conto”