Primo evento inaugurale per i membri del CoEHAR ospiti ieri sera al Teatro Massimo Bellini di Catania

Uno spettacolo speciale per l’evento inaugurale del CoEHAR, il Centro per la Riduzione del Danno da Fumo che aprirà le porte domani mattina alla Torre Biologica dell’Università degli Studi di Catania. Il direttore Riccardo Polosa, insieme ai quaranta docenti del Centro e ad una speciale delegazione di fumatori, che hanno già iniziato il percorso per smettere di fumare, sono stati ospiti ieri sera al Teatro Massimo Bellini di Catania per la visione dell’ultima replica de “La Capinera”.
L’evento, che è stato promosso dalla Lega Italiana Anti Fumo, ha riscosso apprezzamento e ammirazione da parte di tutti i partecipanti.
L’appuntamento è per domani mattina alle ore 10 nell’Aula Magna della Torre Biologica dove si terrà la cerimonia inaugurale coordinata dal direttore e alla quale parteciperanno l’assessore alla Salute della Regione Siciliana Ruggero Razza, il sindaco di Catania Salvo Pogliese, il Magnifico Rettore Francesco Basile e il direttore del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Francesco Purrello. La conferenza sarà moderata dal giornalista Guglielmo Troina.
Nella foto da sinistra:
Antonio Pacino – socio fondatore LIAF,
Leonardo Catalanotto – direttore d’orchestra,
Riccardo Polosa – direttore CoEHAR,
Gianni Bella – compositore,
Roberto Grossi – Sovrintendente
Cristina Baggio – soprano.
Precedente IL PRIMO CENTRO DI RICERCA MULTIDISCIPLINARE PER LA RIDUZIONE DEL DANNO DA FUMO
Prossimo L’UNIVERSITA’ DI CATANIA GUIDA LA LOTTA INTERNAZIONALE AL FUMO

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 192 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

News

Vapeshop: come aumentare le probabilità dei fumatori di smettere

Uno studio pilota condotto dall’Università di Catania, in collaborazione con il CNR di Palermo e l’INSERM di Parigi, dimostra che i fumatori che passano alla sigaretta elettronica hanno più probabilità di successo nella cessazione se supportati da negozianti preparati che conoscono bene il prodotto e la psicologia del fumatore.

In evidenza

Nuovo studio del gruppo di ricerca del Prof. Polosa – Le sigarette elettroniche sono utili nella cura della BPCO

Ennesima prova scientifica a sostegno delle sigarette elettroniche. Secondo uno studio appena pubblicato sulla rivista Respiratory Research l’uso di e-cig può aiutare i fumatori affetti da BPCO (Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva) a ridurre o addirittura a smettere definitivamente di fumare con ricadute positive in termini di migliorata sintomatologia e qualità della vita.

News

Stop fumo in Vaticano: la rivoluzione va seguita anche in Italia

Dal 2018 la Santa Sede smetterà di vendere (con lo sconto) sigarette ai propri dipendenti, religiosi e diplomatici. Questa è la clamorosa notizia delle ultime ore. “Una decisione di portata epocale che potrebbe