Primo Forum Industriale sulla Sigaretta Elettronica a New York

Primo Forum Industriale sulla Sigaretta Elettronica a New York

C’era eccitazione nell’aria al forum inaugurale sulle sigarette elettroniche (E-cig) organizzato dalla banca di affari Wells Fargo a New York. Presenti i più importanti leader del settore (Njoy, Fin, V2 Cigs, Johnson Creek, Ballantyne, Logic, E-Lites, BLU Ecig, Vapor Corp, and Victory Ecig) nonché investitori, esperti di salute pubblica, consulenti per le procedure normative, e giornalisti da tutto il mondo.
Il dibattito, diretto con perizia da uno degli analisti più attenti del settore – Bonnie Herzog di Wells Fargo Securities, ha inquadrato e approfondito le tendenze e le opportunità di un settore in rapida crescita.
Dal confronto è emerso che:
  1. il mercato è in forte espansione con spazio per tutti, sia per la industria indipendente che per i Big del Tabacco;
  2. si profila una rapida internazionalizzazione del mercato: nel futuro potrebbero nascere partenariati tra le imprese di paesi diversi;
  3. le E-cig sono ancora in una prima fase di sviluppo e si attendono cambiamenti significativi già a partire dai prossimi mesi;
  4. i margini di profitto rimangono elevati e decisamente più appetibili rispetto a quelli delle sigarette convenzionali;
  5. i leader del settore si stanno differenziando puntando sia sulla tecnologia che sulla qualità e visibilità del loro prodotto.
Si è ribadito che il business delle E-cig rappresenta una opportunità di straordinaria importanza per la salute pubblica. David Sweanor, professore di Diritto presso l’Università di Ottawa e esperto di legislazione del tabacco, ha moderato una tavola rotonda con altri nomi noti della salute pubblica, David Abrams, Clive Bates e Jean -Francois Etter, che hanno discusso le potenzialità delle E-cig in termini di riduzione del danno da malattie fumo-correlate.
Il dibattito ha chiarito che:
  1. le E-cig sono sostanzialmente molto meno dannose delle sigarette convenzionali e rappresentano una valida alternativa per i fumatori;
  2. le evidenze scientifiche su questi prodotti sono ancora limitate e quelle disponibili spesso fraintese o denigrate creando confusione e incertezza sulla loro bontà;
  3. è imperativo incrementare la sperimentazione di qualità sulle E-cig e convertire a questi prodotti quanti più fumatori possibili;
  4. la regolamentazione futura di questi prodotti dovrà consentire (anziché soffocare) l’innovazione e la più ampia diffusione possibile.
Le autorità sanitarie e i legislatori devono imparare a comprendere le importanti differenze tra E-cig e sigarette convenzionali. Solo così si potranno concretizzare le speranze per una seria regolamentazione di questi prodotti e per una salute migliore. Su questo tema si sono confrontati Neil Wilcox (BLU/Lorillard), David Graham (NJOY), e il consulente di salute pubblica Scott Ballin.
Si è convenuto all’unanimità che una regolamentazione è necessaria, ma che deve essere ben distinta da quella che regola i prodotti derivati dal tabacco. A detta degli intervenuti, Mitch Zeller (l’attuale Direttore del Dipartimento per i prodotti del tabacco della FDA) è allineato con questa corrente di pensiero per cui la imminente nuova regolamentazione dei prodotti contenenti nicotina (incluse quindi anche le E-cig) sarà verosimilmente calibrata in base allo specifico livello di rischio per la salute.
Suggeriti alcuni dei principi base che dovrebbero ispirare una regolamentazione sensata:
  1. Incoraggiare ricerca e innovazione;
  2. Adottare rigorosi standard di qualità;
  3. Stabilire che le E-cig sono prodotti intesi solo per fumatori adulti.
Nel complesso si è respirata aria di grande ottimismo a New York. “Forse anche troppa – ha commentato il Prof. Riccardo Polosa presente all’evento newyorkese – la mia impressione è che sia stato sottovalutato il rischio che decisori troppo rigidi e zelanti possano imporre norme devastanti per il settore e quindi per la salute”.
“In Italia stiamo correndo lo stesso rischio – ha aggiunto il Presidente LIAF, Sebastiano Antonio Pacino – invece di sostenere un settore che può rilanciare il Made in Italy nel mondo, lo si paralizza con una tassazione iniqua che avrà ripercussioni negative anche per la salute”.
Precedente Abolito il divieto di svapare nei luoghi pubblici
Prossimo NUOVO ALLARME PER LE SIGARETTE ELETTRONICHE INVIATA UNA LETTERA APERTA AI PARLAMENTARI EUROPEI E NAZIONALE

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Iniziative

Catania senza fumo

La Lega Italiana AntiFu­mo (LIAF – Onlus), in collaborazione con la GlaxoSmithKline Consumer Healthcare, ha organizzato presso l’Auditorium del Monastero dei Benedettini di Catania il primo incontro del ciclo di

Iniziative

Sigarette elettroniche, un appello al Ministro per sostenerne la diffusione

Nelle scorse settimane, la LIAF ha infatti lanciato una petizione on line che ha già raggiunto quasi 6000 firme a favore delle sigarette elettroniche. Si tratta soprattutto di ex fumatori

Iniziative

LIAF a EXPO BIMBO 2014. Parte da Etnapolis il programma “STOP!” alle sigarette

Anche quest’anno LIAF – Lega Italiana Anti fumo partecipa a EXPO BIMBO 2014, l’appuntamento annuale per mamme, future mamme e bambini che si svolge presso il centro fieristico di Etnapolis. Dal