“Psicopatologia e sigarette elettroniche” – il prof. Caponnetto al Cancer Research UK

“Psicopatologia e sigarette elettroniche” – il prof. Caponnetto al Cancer Research UK

Londra 22/01/2016 – Il prof. Pasquale Caponnetto, responsabile del Centro Antifumo del Policlinico di Catania è intervenuto ieri nell’ambito del Forum internazionale sulla ricerca applicata alle sigarette elettroniche tenutosi al Cancer Research Insititute di Londra, l’ente di ricerca più eccellente d’Inghilterra.

“L’efficacia delle sigarette elettroniche per smettere di fumare, la percezione, la psicopatologia e la qualità della vita dei fumatori affetti da schizofrenia” è stato il titolo del suo intervento durante la sessione dedicata alle sigarette elettroniche e salute mentale, condotta insieme alla dott.ssa Deborah Robson del Kings College di Londra.

FullSizeRender“Questo incontro rappresenta un ulteriore riconoscimento internazionale del livello dell’attività di ricerca e di sostegno psicocomportamentale ai fumatori afferenti al Centro Prevenzione e Cura del Tabagismo, dell’AOU Policlinico Vittorio Emanuele dell’Università di Catania – ha detto il prof. Caponnetto – per tale motivo sono grato per l’accoglienza ricevuta e auspico un presto ritorno in questa sede per portare avanti e diffondere i risultati della ricerca condotta in Italia da tutti i nostri collaboratori”.

Precedente Fumo e asma? Connubio malsano
Prossimo Comitato Europeo di Normazione: il prof. Riccardo Polosa eletto presidente del gruppo di lavoro sugli standard per le emissioni delle e-cig

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 229 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

News

Il CDC annuncia la “svolta” sui casi in USA, con un ritardo di qualche mese

Il CDC parla di “importante svolta” nei casi di malattie polmonari USA: l’acetato di vitamina E riscontrato nei campioni prelevati da 29 pazienti

Curiosità

Giornata mondiale dell’asma 2016 – Priorità alla lotta al tabagismo

In occasione della Giornata Mondiale dell’Asma indetta per oggi, martedì 3 maggio 2016, dall’Organizzazione Internazionale GINA (Global Iniziative for Asthma), anche quest’anno i medici del Reparto di Medicina Interna e D’Urgenza del Policlinico di Catania con il sostegno dei ricercatori della Lega Italiana Anti Fumo hanno collaborato alla promozione delle attività di sensibilizzazione sul tema in ambito internazionale.

In evidenza

Internet e Social Media. Come smettere di fumare rimanendo on-line

Secondo diversi studi condotti dai ricercatori del Centro Antifumo del Policlinico Universitario di Catania, i Social Media possono rappresentare uno strumento promettente per smettere di fumare. Ecco un elenco di azioni che secondo gli specialisti antifumo possono essere generate e sfruttate attraverso i social network.