Riccardo Polosa al Ministro della Salute di Singapore: ripensate le vostre politiche sul controllo del tabagismo

Riccardo Polosa al Ministro della Salute di Singapore: ripensate le vostre politiche sul controllo del tabagismo

Dopo la lettera al Consiglio Legislativo di Hong Kong,  in qualità di responsabile scientifico LIAF ed esperto mondiale di sigarette elettroniche, il prof. Riccardo Polosa si rivolge oggi, in una nuova missiva, al Ministero della Salute di Singapore, che ha recentemente annunciato di voler estendere le politiche di controllo del tabagismo anche ai nuovi prodotti nicotinici a basso rischio espositivo, tra cui le e-cig, mettendoli al bando o riducendone diffusione e disponibilità.

Le politiche di controllo del tabagismo di Singapore meritano un’approfondita revisione affinché possano davvero assicurare che ogni regolamentazione si basi sullo stato attuale delle conoscenze scientifiche, – scrive Polosa nella lettera – Strategie di riduzione del danno fumo-correlato (Tobacco Harm Reduction) dovrebbero essere affiancate agli attuali sforzi di controllo del tabagismo”.

Nel documento, Riccardo Polosa spiega che: “Le sigarette elettroniche sono per il 95% meno dannose rispetto alle classiche bionde e (…) nuove evidenze scientifiche dimostrano che sostituire il fumo di sigaretta con il vapore di una e-cig può produrre significativi miglioramenti a livello respiratorio sia in fumatori ‘sani’ che in quelli affetti da patologie respiratorie, come l’asma”. E aggiunge: “Paesi importanti del mondo come Stati Uniti e Unione Europea hanno scelto di non vietare l’utilizzo delle elettroniche o di regolarle come farmaci ma, piuttosto, di considerarle anche a livello normativo come sostituti delle sigarette convenzionali o di altri prodotti da tabacco”.

Mentre Polosa si mette a disposizione, insieme alla LIAF, di tutti coloro che siano disposti ad ascoltare cosa la scienza può dimostrare, la battaglia continua nell’ambito della regolamentazione europea e mondiale delle sigarette elettroniche dimostra quanto sia fondamentale una definizione di politiche pubbliche condivise ed efficaci.

“E’ illogico che politiche pensate per contrastare la diffusione della prima causa di morte prevenibile al mondo vengano applicate allo stesso modo a strumenti che vanno nella stessa direzione di tali politiche” – commenta la prof.ssa Lidia Proietti, presidente LIAF. – Non ci stanchiamo di lottare. Se è necessario, la LIAF è pronta a scrivere a tutte le istituzioni coinvolte nella regolamentazione delle e-cig”.

 

 

Precedente R. Polosa ai membri del Consiglio di Hong Kong: "Il divieto di e-cig è ingiusto"
Prossimo Bronchiolite obliterante e diacetile: pericolo e-cig? Risponde il prof. Polosa

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 229 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

“Effetto Gateway” – per Polosa “non esistono dati che lo dimostrano”

Non esiste alcuna evidenza scientifica certa sull’effetto gateway, di avvicinamento cioè dei giovani al fumo di sigaretta passando prima per il vapore delle e-cig, di cui in questi giorni si discute a partire da una ricerca proveniente dagli Stati Uniti.

News

Antifumo: la scuola diventa luogo di prevenzione

Il Ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza e il Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin hanno recentemente confermato le norme antifumo già annunciate a luglio nel Disegno di Legge Lorezin. Dall’inizio di

In evidenza

I Project manager della ricerca clinica alla prima edizione della ISPM

Il direttore del CoEHAR, prof. Riccardo Polosa, ha inaugurato la “International Summer School on Project Management (ISPM)” nei locali del Palazzo centrale dell’ateneo catanese.