Ricerca Cnr – R. Polosa: “Non c’è relazione tra i comportamenti umani e quelli dei topi”

Ricerca Cnr – R. Polosa: “Non c’è relazione tra i comportamenti umani e quelli dei topi”

Catania, 17 Dicembre 2015 – “Semplicistico e fuorviante paragonare i dati comportamentali ottenuti da topi di laboratorio con quelli estremamente piú complessi degli esseri umani” – a dirlo è il prof. Riccardo Polosa, docente di Medicina Interna all’Università di Catania e responsabile scientifico della Lega Italiana Anti Fumo, che ha così commentato i risultati dello studio condotto da un gruppo di ricercatori italiani guidato dall’In-Cnr e dell’Università Statale di Milano e pubblicato sulla rivista European Neuropsychopharmacology, secondo il quale il vapore creerebbe una forte dipendenza e un aumento dell’effetto ansiogeno.

Riccardo Polosa“I dati dello studio del CNR (Centro Nazionale delle Ricerche) in topi di laboratorio – ha spiegato Polosa – sono in netta antitesi con i risultati ottenuti su utilizzatori di sigaretta elettronica e che hanno stabilito come il vapagismo sia una dipendenza assolutamente meno importante del tabagismo. Per l’ennesima volta siamo di fronte a valutazioni poco realistiche, incapaci di riprodurre in laboratorio le normali condizioni di esposizione al vapore elettronico. É particolarmente grave – ha aggiunto il responsabile scientifico di LIAF – che si facciano illazioni sui rischi della sigaretta elettronica basandosi su modelli animali assolutamente incongrui. Ed inoltre, la nota  assenza di effetti cancerogeni per la nicotina rende inaccettabile la tesi del CNR  sui possibili rischi tumorali per questa sostanza”.

 

 

 

Ufficio Stampa 

Dott.ssa Valeria Nicolosi

email: [email protected]

Precedente Consapevolezza e Tabagismo: come smettere di fumare, diventare e rimanere ex-fumatori
Prossimo Smettere di fumare fa ingrassare? Non quando si smette con le e-cig

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 231 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

News

40% di fumatori in meno, in Islanda è successo

“In Islanda le politiche del governo pro-vaping hanno fatto diminuire il numero di fumatori”. Questo quanto leggiamo stamane in un articolo della rivista islandese “Grapevine”.

Comunicati stampa

Calcio Catania: progetto di sensibilizzazione antifumo

 Il progetto “Primi calci al fumo” vincitore del premio nazionale Uliveto e SIMI, Società Italiana di Medicina Interna dedicato allo sport, ha come obiettivo la sensibilizzazione sul tabagismo dei bambini

News

Parlamento Inglese: Rapporto della commissione scientifica sul vaping

La Commissione Scienza e Tecnologia dell’House of Commons ha appena pubblicato il rapporto finale sulla sigaretta elettronica realizzato anche grazie alle valutazioni scientifiche fornite dal prof. Riccardo Polosa, dell’Università degli Studi di Catania.