Se papà fuma davanti a mamma incinta, c’è più rischio per il feto

Se papà fuma davanti a mamma incinta, c’è più rischio per il feto

Il fumo nuoce anche se a fumare è papà! A confermarlo un nuovo studio condotto dai ricercatori della Xiangya School of Public Health della Central South University di Changsha.

“Rispetto ai bambini con genitori non fumatori, i figli di uomini che fumano durante la gravidanza hanno un maggiore rischio di difetti cardiaci alla nascita”.

Fumare in gravidanza ha gravi conseguenze per il bambino, a breve, medio e lungo termine. Se la sigaretta costituisce un rischio per la salute prima della gravidanza, il fumo della bionda è ancora più nefasto per il bambino quando è in grembo. 

Jiabi Qin e colleghi hanno analizzato i dati di 125 studi precedenti che complessivamente hanno coinvolto quasi 8,8 milioni di famiglie  in tutto il mondo. Hanno esaminato il fumo delle madri incinte, quello dei padri mentre le loro compagne erano in gravidanza e l’esposizione delle madri al fumo passivo durante la dolce attesa. La maggior parte dei bambini, circa 137,600 coinvolti nello studio, presentavano difetti cardiaci congeniti.

Smettere di fumare in gravidanza non è una scelta ma un obbligo di responsabilità nei confronti della vita che sta per arrivare.

Per i papà che proprio non riescono a smettere, ricordiamo che come ormai più volte esaminato, passare a soluzioni alternative e meno dannose a volte può essere una valida alternativa.

Precedente FDA approva la vendita di IQOS in America. Polosa, Tirelli e Beatrice commentano
Prossimo I libri come strumenti per smettere

Autore

Gabriella Finocchiaro
Gabriella Finocchiaro 33 articoli

Gabriella Finocchiaro, giornalista siciliana impegnata da anni nelle più importanti emittenti televisive della Sicilia è la nuova redattrice del sito LIAF. Appassionata di sport, soprattutto di pallavolo e calcio, è stata consulente anche per amministrazioni locali e provinciali e portavoce di sindaci e presidenti. Microfono e telecamera in mano, Gabriella è il volto della cronaca e della politica regionale. Il suo primo amore è stato la radio, lo strumento che le ha consentito di entrare a far parte del mondo giornalistico. Ama il teatro, il cinema, la musica, gli animali e soprattutto la vita! Gabriella crede tantissimo nelle possibilità offerte dalla comunicazione sociale e dalla diffusione di messaggi positivi a tutela degli altri. Oggi si scommette in una nuova avventura con LIAF che trova già entusiasmante!

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Curiosità

Derek Yach for the CoEHAR

Derek Yach – Foundation for a Smoke Free World
Catania, Italy
24th June
CoEHAR – University of Catania

News

Polosa smentisce il Surgeon General: “Non c’è epidemia di e-cig tra i giovani americani”

Con una revisione pubblicata ieri nell’Harm Reduction Journal, Polosa spiega che il report pubblicato dal Surgeon General nel 2016 sull’uso delle sigarette elettroniche tra i giovani si è basato più sulla finzione che sui fatti.

In evidenza

No Tobacco Day 2015: “Realtà virtuale per smettere di fumare”

Presentato a Catania il progetto di ricerca firmato LIAF, Unict e Behaviour Labs grazie al quale si potrà smettere di fumare immergendosi in un futuro in 3D.