Si smette di fumare anche durante “La Notte Europea dei Ricercatori”

Si smette di fumare anche durante “La Notte Europea dei Ricercatori”

Venerdì 28 Settembre le luci si accenderanno solo sui ricercatori italiani. Sarà la “Notte Europea dei Ricercatori”, un evento promosso dalla Commissione Europea con lo scopo di creare un incontro con i cittadini e diffondere la cultura scientifica.

Da anni, ormai, questa manifestazione coinvolge molte città italiane che dedicano gran parte dei loro eventi di settembre proprio all’elogio della ricerca ed alla forza di migliaia di giovani che ogni giorno affrontano battaglie ideologiche, scientifiche, sociali e umani pur di portare a termine un solo obiettivo: aiutare il progresso.

Anche l’Università di Catania aprirà il suo palcoscenico. Un intenso programma di appuntamenti coinvolgerà tutto il Centro Storico e molte strutture pubbliche come i Laboratori Nazionali del Sud a piazza Università, il Monastero dei Benedettini, la Città della Scienza, le strade del centro e anche la Metro di Catania.

Un luogo innovativo che in questi mesi è stato scenario simbolico di diversi incontri istituzionali. Gli incontri riguarderanno laboratori, spettacoli, talk e attività pensate e realizzate per un pubblico di tutte le età. I temi affrontati saranno differenti: da quelli di frontiera della ricerca di base alle applicazioni tecnologiche nei campi più disparati, con una particolare attenzione alle sfide per il futuro.

E’, infatti, dall’innovazione condivisa che si crea il futuro. E Sud, si sa, è proprio eccellente in questo. La Sicilia è stata per secoli culla di migliaia di cervelli in fuga verso diverse parti del globo. Il loro più grande merito è quello di aver disseminando ovunque cultura, conoscenza e genio. 

In occasione della Notte dei Ricercatori anche la nostra LIAF – Lega Italiana Anti Fumo, insieme ai ricercatori del CoEHAR – Il Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Università degli Studi di Catania, parteciperà agli eventi già in programma.

Nello specifico, vi aspettiamo il 28 Settembre alle ore 19.30 presso la Metro Stazione “Giovanni XXIII” per il Minitalk dal titolo: Scienza e Società al quale parteciperà anche il prof. Pasquale Caponnetto con l’intervento intitolato: “La ricerca che ti aiuta a smettere di fumare“.

 

 

Precedente Nuovo lavoro del team CoEHAR pubblicato su European Respiratory Journal (ERJ)
Prossimo Sigarette elettroniche: tutto ciò che non è stato detto a "Tutta Salute"

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 211 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

#savethedate: Martedì 20 Settembre a Roma il primo seminario del Comitato Scientifico LIAF

#savethedate: Martedì 20 Settembre a Roma il primo seminario del Comitato Scientifico LIAF

Comunicati stampa

Tossicologi a Bologna: “Per chi non riesce a smettere di fumare, le elettroniche sono necessarie”

“Se non è possibile per tutti smettere di fumare, presentare alternative meno tossiche come sigarette elettroniche e Sistemi di riscaldamento del tabacco diventa a questo punto utile e necessario” – è stato questo uno degli argomenti centrali del 18° Congresso Nazionale “Innovazione, sicurezza e sostenibilità nell’era 4.0” promosso dalla SITOX, Società Italiana di Tossicologia ed in corso in questi giorni a Bologna. 

Iniziative

Calcio Catania: progetto di sensibilizzazione antifumo

Il progetto “Primi calci al fumo” vincitore del premio nazionale Uliveto e SIMI, Società Italiana di Medicina Interna dedicato allo sport,  ha come obiettivo la sensibilizzazione sul tabagismo dei bambini tra