Sigarette Elettroniche: sono sicure e possono aiutare a smettere di fumare

Sigarette Elettroniche: sono sicure e possono aiutare a smettere di fumare

Il Prof. Polosa dell’Università di Catania conduce l’unico studio clinico in Europa sugli effetti delle Sigarette Elettroniche
<<Le sigarette elettroniche sono un’alternativa a basso rischio rispetto le sigarette tradizionali>>.
E’ quanto afferma il Prof. Riccardo Polosa dell’Università di Catania, esperto internazionale per la terapia del tabagismo che sta conducendo l’unico studio clinico in Europa sugli effetti e la sicurezza delle sigarette elettroniche.
<<Dai test tossicologici non risultano sostanze tossiche – spiega il Prof. Polosa – e non sono stati rilevati effetti collaterali. Molti dei partecipanti allo studio hanno ridotto sostanzialmente la dipendenza tabagica ed alcuni hanno anche smesso di fumare, diminuendo così il rischio espositivo>>.
Lo studio clinico sulle e-cig, svolto in collaborazione con l’Università di Catania, la LIAF Lega Italiana Antifumo e CATEGORIA, ha preso via nella primavera 2010.
Hanno partecipato al progetto 300 fumatori volontari, tra cui parte del 41° Stormo dell’Aeronautica Militare Italiana, non necessariamente intenzionati a smettere, ma anche solo incuriositi dal provare l’e-cig. I partecipanti sono stati sottoposti a visite di controllo per un anno indagando le abitudini correlate al fumo e lo stato generale di salute.
Le sigarette elettroniche date in dotazione ai partecipanti sono state sottoposte a controlli tossicologici da cui non risultano sostanze nocive o cancerogene.
La proporzione tra l’eventuale nocività delle e-cig è mille volte inferiore alla ben nota tossicità delle sigarette tradizionali.
Le e-cig contengono glicolepropilenico (sostanza usata nell’industria farmaceutica ed alimentare), nicotina o aromi, che vengono vaporizzati tramite un piccolo aerosol alimentato da una batteria.
<<La sigaretta elettronica può essere uno strumento coadiuvante nel trattamento della dipendenza tabagica – continua il Prof. Polosa responsabile scientifico della Lega Italiana Antifumo – per smettere di fumare resta però indispensabile l’aiuto di medici esperti. Il suggerimento ai consumatori è quello di utilizzare prodotti che certificano in modo convincente la loro sicurezza>>.
Ufficio Stampa LIAF
Dott.ssa Gabriella Papale
Precedente Electronic cigarettes help to reduce cigarette smoking
Prossimo USA: l’FDA non ha l’autorità per disciplinare l’e-cigarettes

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Comunicati stampa

Il 41° Stormo A/S della Aeronautica Militare, parte attiva nella sperimentazione delle sigarette elettroniche

Nell’ambito del progetto antifumo che prevede la sperimentazione clinica delle sigarette elettroniche, l’Università degli Studi di Catania, CATEGORIA sigaretta elettronica e LIAF-Onlus Lega Italiana Antifumo, si avvalgono di un altro

In evidenza

Pressione sanguigna: con l’ecig miglioramenti a lungo termine

La sigaretta elettronica è un strumento prezioso per la riduzione del danno anche nei fumatori che soffrono di ipertensione arteriosa. A dirlo è un nuovo studio condotto da un gruppo di ricercatori, coordinati dal prof. Riccardo Polosa.

In evidenza

“Effetto Gateway” – per Polosa “non esistono dati che lo dimostrano”

Non esiste alcuna evidenza scientifica certa sull’effetto gateway, di avvicinamento cioè dei giovani al fumo di sigaretta passando prima per il vapore delle e-cig, di cui in questi giorni si discute a partire da una ricerca proveniente dagli Stati Uniti.