Sigarette Elettroniche: sono sicure e possono aiutare a smettere di fumare

Sigarette Elettroniche: sono sicure e possono aiutare a smettere di fumare

Il Prof. Polosa dell’Università di Catania conduce l’unico studio clinico in Europa sugli effetti delle Sigarette Elettroniche
<<Le sigarette elettroniche sono un’alternativa a basso rischio rispetto le sigarette tradizionali>>.
E’ quanto afferma il Prof. Riccardo Polosa dell’Università di Catania, esperto internazionale per la terapia del tabagismo che sta conducendo l’unico studio clinico in Europa sugli effetti e la sicurezza delle sigarette elettroniche.
<<Dai test tossicologici non risultano sostanze tossiche – spiega il Prof. Polosa – e non sono stati rilevati effetti collaterali. Molti dei partecipanti allo studio hanno ridotto sostanzialmente la dipendenza tabagica ed alcuni hanno anche smesso di fumare, diminuendo così il rischio espositivo>>.
Lo studio clinico sulle e-cig, svolto in collaborazione con l’Università di Catania, la LIAF Lega Italiana Antifumo e CATEGORIA, ha preso via nella primavera 2010.
Hanno partecipato al progetto 300 fumatori volontari, tra cui parte del 41° Stormo dell’Aeronautica Militare Italiana, non necessariamente intenzionati a smettere, ma anche solo incuriositi dal provare l’e-cig. I partecipanti sono stati sottoposti a visite di controllo per un anno indagando le abitudini correlate al fumo e lo stato generale di salute.
Le sigarette elettroniche date in dotazione ai partecipanti sono state sottoposte a controlli tossicologici da cui non risultano sostanze nocive o cancerogene.
La proporzione tra l’eventuale nocività delle e-cig è mille volte inferiore alla ben nota tossicità delle sigarette tradizionali.
Le e-cig contengono glicolepropilenico (sostanza usata nell’industria farmaceutica ed alimentare), nicotina o aromi, che vengono vaporizzati tramite un piccolo aerosol alimentato da una batteria.
<<La sigaretta elettronica può essere uno strumento coadiuvante nel trattamento della dipendenza tabagica – continua il Prof. Polosa responsabile scientifico della Lega Italiana Antifumo – per smettere di fumare resta però indispensabile l’aiuto di medici esperti. Il suggerimento ai consumatori è quello di utilizzare prodotti che certificano in modo convincente la loro sicurezza>>.
Ufficio Stampa LIAF
Dott.ssa Gabriella Papale
Precedente Electronic cigarettes help to reduce cigarette smoking
Prossimo USA: l’FDA non ha l’autorità per disciplinare l’e-cigarettes

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Comunicati stampa

Lotta al tabagismo: l’Università di Catania e i farmacisti siciliani

 Nell’ambito del progetto nazionale CCM2 del Ministero della Salute dedicato alle attività di contrasto al tabagismo, il Centro per la Prevenzione e Cura del Tabagismo (CPCT), dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria “Policlinico-Vittorio Emanuele”,

Comunicati stampa

NUOVO ALLARME PER LE SIGARETTE ELETTRONICHE INVIATA UNA LETTERA APERTA AI PARLAMENTARI EUROPEI E NAZIONALE

Nonostante il voto del Parlamento Europeo contro una regolamentazione farmacologica delle e-cig, la Commissione Europea cerca di ribaltare la decisione. La Lega Italiana Anti Fumo diffonde la lettera di protesta

Comunicati stampa

Ecig – Il 23 e 24 Settembre a Catania riunione del Comitato Tecnico Europeo di Normazione

Il 23 e 24 Settembre, per la prima volta a Catania, si riunirà la Commissione CEN/TC 437 (Electronic cigarettes and e-liquids) nata in seno alla Comitato Europeo di Normazione (CEN)