Sigarette light e tumore del polmone: qual è la verità

Sigarette light e tumore del polmone: qual è la verità

Non è una novità che chi fuma ha un rischio maggiore di sviluppare un cancro del polmone rispetto a chi non ha mai fatto uso di tabacco, ma che fumare sigarette a diverso contenuto di catrame non faccia alcuna differenza  in termini di rischio cancerogeno non era noto a molti. Questo concetto è stato ribadito di recente dalla prestigiosa rivista medica British Medical Journal che ha pubblicato un articolo che evidenzia come il rischio di tumore al polmone non varia tra persone che fumano sigarette ad alto o basso contenuto di catrame. I risultati dello studio si sono basati su oltre 900.000 soggetti di età superiore ai 30 anni studiati in un arco di tempo di 6 anni. Gli scienziati hanno preso in considerazione sigarette a diverso contenuto di catrame (7 mg o meno, da 8 a 14 mg e da 15 a 21 mg); per tutti questi soggetti il rischio di sviluppare cancro del polmone si è rivelato sovrapponibile. Solo chi fuma sigarette senza filtro con contenuto di catrame superiore a 22 mg ha un rischio decisamente più elevato.

Pertanto la riduzione del contenuto di catrame al di sotto dei 15 mg (tipica della sigaretta “light”), che negli anni ’80 era stata massicciamente pubblicizzata quale soluzione ai danni derivanti dal fumo di sigaretta, non determina alcuna riduzione del rischio di tumore al polmone.  Piuttosto, la riduzione dei livelli di catrame (e di nicotina) nelle sigarette “light” ha provocato una modifica nelle modalità di inalazione del fumo e di presentazione dei tumori polmonari. Con le sigarette “light” i fumatori per sedare la propria dipendenza da nicotina sono stati spinti ad aspirare più profondamente il fumo di sigaretta e le localizzazioni tumorali si sono spostate dai grossi bronchi alle diramazioni più periferiche. Si è ipotizzato che con aspirazioni più profonde del fumo fino alla periferia dei polmoni sia aumentato il numero delle localizzazioni periferiche del tumore. In ogni caso, questa differente localizzazione dei tumori non ha ricadute a livello di prognosi, che rimane comunque infausta.

Possiamo pertanto concludere una cosa già comunque nota, fumare è un danno irreversibile per la salute. Si può decidere se ammalarsi con sigarette light o normali tanto non esiste una sigaretta poco dannosa rispetto ad un’altra. Già da tempo d’altra parte non viene più riportata  la dicitura di sigaretta “light” o super “light” perché che il rischio potesse essere uguale, anche sulla scorta dei recenti studi pubblicati, da sospetto è diventata certezza. Molti preferiscono magari credere che sia ancora un dato non confermato, speriamo che queste poche cifre riportate insinuino qualche dubbio in più e che le sigarette forti o leggere vengano considerate per quello che realmente sono: un rischio.

Precedente Legge Sirchia: il parere del Ministro Livia Turco
Prossimo La Crociata Antifumo a Catania: analisi dei primi cinque anni

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Approfondimenti

E-cig – Polosa, Tirelli e Veronesi: “Sono molto meno dannose delle sigarette tradizionali”

 Globalmente 1,3 miliardi di persone fumano e l’Oms stima che nel 21° secolo vi saranno fino a un miliardo di morti premature legate al tabacco, tutte completamente prevenibili. Tale tributo

Approfondimenti

Necessarie ricerche di buona qualità e innovazione

Su Internal and Emergency Medicine un nuovo editoriale firmato da Polosa, Farsalinos e Domenico Prisco. Fumo e cancro e prospettive positive nell’uso di elettroniche.

News

Due giorni di titoli e dissapori tra Scienza e Media

“Scienza e  Contro-scienza” – è ormai questo il tema del dibattito sugli strumenti alternativi al fumo in tutto il mondo. “Ci si batte tra il bene ed il male senza pensare che in mezzo c’è comunque la soluzione più ragionevole. Tra titoloni e grandi servizi, da un lato si parla dello studio condotto dalla New York University secondo il quale le sigarette elettroniche danneggerebbero il Dna, dall’altro, si aggiunge la notizia che anche l’FDA avrebbe rimandato la decisione sulla commercializzazione oltreoceano dei dispositivi Iqos. Sarà vero?