Sono un iperteso ma da quando ho smesso mi sento meglio

Sono un iperteso ma da quando ho smesso mi sento meglio

Carissimo professore Polosa,

mi chiamo Alberto Ottaviano, vivo a Roma e ho 64 anni.

Dopo circa 53 anni di rapporto mai interrotto con le sigarette tradizionali, nello scorso Agosto ho iniziato a svapare con la sigaretta elettronica e questo mi ha portato a smettere completamente di fumare le normali sigarette.

Non mi sarei mai aspettato un risultato cosi’ importante.

Avverto un netto miglioramento delle mie condizioni di salute.

Essendo io un iperteso ho visto che addirittura il livello della mia pressione arteriosa si è stabilizzato nella misura di 80/120.

Per non parlare poi del miglioramento della respirazione, della sparizione dei mal di testa e del continuo senso di affaticamento che avevo prima quando fumavo circa 40 sigarette al giorno.

Se vuole potrà usare la mia testimonianza sugli effetti benefici dell’abbandono del tabagismo.

La ringrazio per tutto,

Alberto.

Precedente Legge sulla riduzione del danno: la Regione Marche non sarà l'unica
Prossimo Vaping is not Tobacco! Partecipa alla petizione

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

Per alcuni fumatori, la e-cig è solo una esperienza passeggera che permette di smettere completamente

E’ con piacere che oggi vi proponiamo il messaggio appena arrivato sulla nostra posta LIAF dedicata alle storie di svapatori. Il nostro amico Luca ha smesso di fumare da 10 giorni e noi gli auguriamo un grande in bocca al lupo. Sperando che la sua piccola battaglia vinta oggi possa presto rappresentare l’uscita definitiva dal tabagismo.

Storie di svapatori

Ai governanti manca la capacità di valutare le conseguenze delle loro azioni e questo non è d’aiuto per i fumatori.

La lettera di Giacomo Moselli, uno svapatore che non comprende l’atteggiamento delle istituzioni e che ricorda a LIAF la motivazione più importante che lo ha fatto diventare svapatore. Caro prof.

Storie di svapatori

Francesca Festa: una storia di svapatori tra tasse e salute

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di Francesca Festa.