Speciale “For Men” di Marzo: “I 7 metodi più curiosi per smettere di fumare”

Speciale “For Men” di Marzo: “I 7 metodi più curiosi per smettere di fumare”

“27 modi per smettere di fumare” – è il titolo dello speciale pubblicato sulla rivista “For Men” di Marzo e firmato da Manuela Stefani e Roberta Maresci. Una ricerca interessante per consigliare agli “aitanti” lettori della testata – specializzata sullo stile di vita degli uomini – quali e quanti sono i metodi utilizzati in questo momento nel mondo per riuscire a smettere di fumare. Come ci raccontano le due giornaliste: “Secondo l’Istituto Superiore di Sanità, ogni anno muoiono in Italia circa 70 mila persone a causa del fumo. Per chi fuma il rischio di morire di enfisema è duplicato, quello di ictus è raddoppiato, quello di infarto aumenta da 2 a 4 volte e cresce anche il rischio di disfunzioni erettili”. Chi smette di fumare giorno per giorno migliora la propria salute e ottiene benefici. “Già dopo 20 minuti, ad esempio, la pressione arteriosa e la frequenza cardiaca tornano nella norma, dopo 2 giorni l’organismo si è liberato dalla nicotina e ricomincia a recuperare gusto e olfatto e dopo 1 anno il rischio cardiovascolare si è dimezzato rispetto a quello di chi continua a fumare”. Nel frattempo la tecnologia avanza e le strategie per smettere di fumare aumentano, “For Men” ne presenta 27 e noi ne abbiamo selezionato 7 per Voi. Si tratta dei più curiosi ma anche dei meno costosi. Acqua – bere acqua è un buon metodo per smettere di fumare e se si beve dal rubinetto di casa è anche il metodo più economico e “limpido”. App – esistono diverse applicazioni che supportano costantemente il paziente che vuole smettere di fumare. Su questi dispositivi sono in corso studi scientifici, ma la loro diffusione è già abbastanza importante e spesso è possibile scaricarle gratuitamente dai vari store. Frutta e verdura – le patate, i pomodori, i peperoni e le melenzane contengono nicotina quindi mangiarle può aiutare a ridurre il fumo. Libri di autoaiuto – leggere libri che stimolano e raccontano come smettere di fumare a volte può aiutare a ridurre il vizio. Liquirizia – masticare una bacchetta di liquirizia contiene nicotina ma sostituisce anche la gestualità della sigaretta. Può aiutare ma può anche far aumentare la pressione arteriosa. SMS – farsi mandare messaggini stimolanti dal proprio medico o dal proprio consulente – o meglio ancora da uno degli specialisti del Centro Anti Fumo più vicino a casa tua – può aiutare a smettere di fumare stimolando la forza di volontà e infondendo sicurezza nel paziente. Videogiochi – come affermato da uno dei consulenti scientifici di LIAF, il dott. Pasquale Caponnetto dell’Università degli Studi di Catania, esiste un videogame Super Smoky che attraverso un avatar mostra i danni del fumo nell’arco di 20 anni ma non esistono ancora studi in merito all’efficacia di questo strumento e comunque il costo si aggira intorno ai 30/50 euro.

Precedente Troppe parole e pochi risultati concreti: ecco le conclusioni del Convegno ISS a Roma
Prossimo Ansia e Fumo, due patologie per le quali esiste rimedio

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

News

Vaping is not Tobacco! Partecipa alla petizione

‘ possibile esprimere il proprio voto partecipando alla petizione e chiedere una regolamentazione delle sigarette elettroniche più equa e basata sulle evidenze scientifiche. Per firmare la petizione occorre entrare nel sito e inserire i dati personali e gli estremi di un documento d’identità.

News

Tre uomini e una storia finita … con una bionda

Antonio Martinez  “Ho cominciato per curiosità con le sigarette elettroniche pensando che nulla e nessuno potesse aiutarmi a smettere di fumare le 50 e passa sigarette che accendevo in un

Approfondimenti

Su Repubblica di oggi la “riduzione del rischio” del prof. Riccardo Polosa

Giorni intensi per lo svapo italiano. Dopo il servizio di Report condotto dalla giornalista Milena Gabanelli, stamattina un dossier pubblicato su Repubblica riporta questo titolo: “Svapare non è una buona idea”. Accanto però un’altro articolo cita alcuni studi condotti dal prof. Riccardo Polosa per dimostrare l’efficacia dello svapo nella riduzione del danno.