Stop fumo in Vaticano: la rivoluzione va seguita anche in Italia

Stop fumo in Vaticano: la rivoluzione va seguita anche in Italia

Dal 2018 la Santa Sede smetterà di vendere (con lo sconto) sigarette ai propri dipendenti, religiosi e diplomatici. Questa è la clamorosa notizia delle ultime ore. “Una decisione di portata epocale che potrebbe essere riportata come esempio virtuoso anche in uno Stato laico come l’Italia – ha oggi affermato il prof. Riccardo Polosa della Lega Italiana Anti Fumo – l’Italia deve adeguarsi alla rivoluzione che ormai si sta diffondendo in tutto il mondo“.

Come ha affermato il direttore della sala stampa vaticana Greg Burke, infatti: “la Santa Sede non può contribuire ad un esercizio che danneggia chiaramente la salute delle persone”.  E la decisione del Papa è coerente con tutto il suo pensiero di pontificato e di cambiamento rivoluzionario che parte proprio dall’assicurare uno stile di vita più sano al maggior numero di persone possibile.

“Tantissimi Stati in realtà hanno già avviato iniziative così importanti per la lotta al fumo – ha specificato poi Polosa – a New York ad esempio il prezzo delle bionde è salito quasi a 13 dollari e l’America non è l’unico posto al mondo dove la lotta al fumo si combatte al tabacchino. Aumentare il costo delle bionde anche in Italia darebbe un incentivo importante a smettere a tutti quei fumatori che sono già intenzionati a farlo. E se a queste iniziative economiche – ha continuato il professore – si aggiungessero anche proposte e soluzioni per agevolare l’utilizzo di strumenti alternativi e meno dannosi, come ad esempio le sigarette elettroniche, lo Stato italiano riuscirebbe definitivamente a sconfiggere il fumo salvando la vita a milioni di persone e risparmiando enormemente sui costi per la cura delle malattie fumo correlate”.

Precedente Il Comitato scientifico LIAF ricorda Umberto Veronesi
Prossimo E-cig, nuovo studio su danni ai polmoni. Polosa: "Ennesima ricerca fatta a casaccio"

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Comunicati stampa

Valori di rischio: 100 sta alla bionda, come 4 sta alla sigaretta elettronica

Un recente studio internazionale del Drug Science (Comitato scientifico indipendente sulle droghe), confrontando i danni provocati dai vari prodotti contenenti nicotina, ha stimato che la sigaretta elettronica ha un indice

Comunicati stampa

Lettera aperta – Esperti a ISS – OSSFAD: “La serrata guerra alle sigarette elettroniche nuoce alla salute dei fumatori”

ISS – Istituto Superiore di Sanità OSSFAD – Osservatorio Fumo, Alcol e Droga Viale Regina Elena, 299 00161 Roma Direttore OSSFAD Dott.ssa Roberta Pacifici Gentile Direttore, Vorremmo portare alla Sua

Approfondimenti

9 NUOVI PROGETTI DI RICERCA PER SMETTERE DI FUMARE E RIDURRE IL DANNO DA FUMO

Riccardo Polosa, direttore del Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno da Fumo dell’Università degli Studi di Catania (CoEHAR) ha presentato nove nuovi progetti di ricerca per smettere di fumare e ridurre il danno da fumo. Con lui, il presidente della Foundation for a Smoke-Free World, Dr. Derek Yach, il direttore del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Università degli Studi di Catania, Francesco Purrello e l’assessore alla Salute della Regione Siciliana, Ruggero Razza.