“Tabagismo e Vapagismo” il convegno annuale di LIAF

“Tabagismo e Vapagismo” il convegno annuale di LIAF

Martedì 26 Maggio alle 11 nell’Aula Magna della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Catania si terrà il convegno promosso dalla Lega Italiana Antifumo, in occasione del World No Tobacco Day 2015, in collaborazione con l’Università degli Studi di Catania e l’associazione universitaria Archè.

“Tabagismo e Vapagismo” è il tema della giornata di lavori dell’Attività Didattica Elettiva rivolta a tutti gli studenti dell’ateneo catanese e ai rappresentanti istituzionali delle organizzazioni di riferimento e ha l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sui danni causati dal fumo e dalle malattie fumo correlate.

Come previsto dal piano di riordino delle strutture ospedaliere, LIAF, Unict e Policlinico intendono inoltre promuovere il ruolo degli ospedali e delle università come soggetti promotori di salute pubblica. A tal proposito, il programma prevede l’intervento di numerosi esponenti e dirigenti di organizzazioni complesse che presenteranno gli obiettivi, le iniziative e le azioni messi in atto per combattere il fumo in Italia.

“L’obiettivo dell’incontro – ha spiegato la prof.ssa Lidia Proietti, presidente LIAF – è quello di promuovere una cultura del non fumo che prenda in considerazione i dati reali dell’attuale diffusione del tabagismo in Italia. Il fumo è diffuso tra i giovani in maniera allarmante, ed è proprio li – ha aggiunto lo scienziato etneo – che le politiche di Sanità Pubblica dovrebbero incentrare le loro azioni, al fine di promuovere stili di vita sani e non pericolosi”.

Il tema del Tabagismo sarà affrontato sotto diversi profili scientifici da tantissimi esperti del settore. Un viaggio nel mondo del fumo che passerà dall’aspetto psicologico a quello comunicativo, dall’analisi statistica fino a quella legislativa. Un incontro che sarà utile soprattutto per la diffusione di una cultura dell’antifumo capace di entrare a far parte delle conoscenze dei singoli.

Un’analisi attenta del tabagismo e dei danni correlati è importante da ogni punto di vista scientifico. Secondo il prof. Riccardo Polosa, ordinario di Medicina Interna dell’ateneo catanese e responsabile scientifico dell’incontro: “La lunga battaglia a fianco di tutti gli enti impegnati nella lotta contro il fumo deve essere sostenuta dal maggior numero di persone possibili perché il numero di fumatori in Italia è ancora in crescita nonostante gli sforzi. Esistono delle alternative valide in grado di aiutare i pazienti a smettere di fumare”.

Ad aprire i lavori sarà il presidente LIAF con un intervento dal titolo: “Impatto del fumo sulla salute globale”. Seguirà il prof. Polosa, con un analisi approfondita della “Tobacco Harm Reduction: i nuovi prodotti a basso rischio”.  Ampio spazio sarà dato all’area economica – giuridica, a quella psicologica – sociale e alla comunicazione. Tra i relatori ancora, ricordiamo i nomi del prof. Agatino Cariola della Facoltà di Giurisprudenza, della prof.ssa Venera Tomaselli del Dipartimento di Statistica, della prof.ssa Adriana Laudani di Scienze Politiche e della nota esperta di comunicazione Amanda Jane Succi.

oculus-rift-6a63edcf1b5b57bc3ed1ed9fb76043ccaUn momento importante del convegno sarà dedicato alla presentazione del progetto “Smettere di fumare con la realtà virtuale” in collaborazione con LIAF, Unict e la startup catanese Behaviour Labs, nota al pubblico italiano per aver dato alla luce “Zeno“, il robot – oggi al vaglio del Centro Nazionale di Ricerca – perché in grado di aiutare migliaia di bambini autistici ad affrontare meglio la propria patologia. A presentare il nuovo sistema per smettere di fumare saranno in fondatore della startup Daniele Lombardo, il presidente LIAF insieme al team di ricercatori coordinati dal prof. Pasquale Caponnetto e diretti dal prof. Riccardo Polosa.

Tantissime le richieste di partecipazione pervenute al momento all’email: adearche@gmail.com.  “Siamo orgogliosi di aver contribuito alla realizzazione di un momento di studio e riflessione dedicato alla sensibilizzazione degli studenti sulle politiche antifumo. Le centinaia di risposte pervenute – hanno affermato Antonio Fusco e Carlo Bellanca, dell’associazione Archè – testimoniano un interesse sempre più crescente da parte dei giovani alla diffusione di stili di vita sani”.

Ricordiamo che per gli studenti del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia è previsto l’accreditamento di 1 credito ADE e per gli studenti delle altre Facoltà il riconoscimento di crediti formativi liberi.

Tieniti aggiornato

 

Scarica la locandina

LIAF

 

Precedente Fai anche tu la tua domanda al prof: ADESSO PUOI!
Prossimo Fumo e giovani: serve una battaglia più dura

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 220 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Iniziative

LIAF in Parlamento per dire NO al fumo nei corridoi

Il presidente LIAF, Lidia Proietti, sostiene la battaglia dell’onorevole Arianna Spessotto, deputato del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati, che da alcuni mesi si batte perché venga rispettato il divieto di fumo nelle stanze di Montecitorio, proprio li dove la legge è stata emanata.

News

Nuovo studio italiano su e-cig ne conferma sicurezza e efficacia

Secondo un recente studio italiano pubblicato dalla rivista internazionale Plos One, le sigarette elettroniche sono sicure e aiutano a non ricadere nel vizio del fumo, anche se sembrerebbe non aiutino a smettere. Abbiamo chiesto al Presidente LIAF, Prof.ssa Lidia Proietti e al responsabile scientifico LIAF, Prof. Polosa un commento a caldo sulle conclusioni di questo studio condotto da autori di diverse università italiane, tra cui anche Walter Ricciardi, Commissario dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS).

L'esperto risponde

Estate, quando il tuo vicino di casa fuma in continuazione

Tra le tante domande che arrivano ai nostri esperti LIAF, una di certo è quella più frequente: “Il mio vicino di casa fuma in continuazione e il suo fumo arriva sempre dentro casa mia. Come faccio?”. A rispondere è il dott. Venerando Rapisarda