UBIOPRED: Testimonianza Broncoscopia

UBIOPRED: Testimonianza Broncoscopia

Breda, come persona asmatica, ha effettuato diverse broncoscopie in passato. Ha così deciso di spiegare la procedura e di condividere la sua esperienza.
La broncoscopia è una procedura in cui un medico osserva le vie aeree, utilizzando uno strumento chiamato broncoscopio, che è un tubo lungo e stretto collegato ad una telecamera.
Ho già fatto quattro broncoscopie, due delle quali nell’estate del 2012.Sono arrivata al reparto di day hospital, in ambulatorio, ed ero a digiuno dalla mezzanotte. Dopo il solito processo di registrazione, mi è stato assegnato un letto. Un medico mi ha poi spiegato la procedura e cosa mi sarei dovuta aspettare:
  • Avrei avuto una flebo in vena per ricevere un pò di sedazione e farmi sentire assonnata e avrei ricevuto alcuni spruzzi di sedativo in gola per intorpidirla.
  • Durante la broncoscopia, avrebbero effettuato il lavaggio bronchiale, ciò significa che l’acqua sarebbe schizzata nei miei polmoni e poi rimossa. Il liquido ottenuto sarebbe stato inviato in laboratorio per identificare la presenza di eventuali batteri. Non tutte le broncoscopie richiedono questo procedimento, però può essere utile per investigare diversi problemi ai polmoni.
  • L’intera procedura sarebbe durata solo circa 15 minuti, e la mia mia gola sarebbe potuta essere un pò dolorante o asciutta.
  • Avrei dovuto riposare nel reparto per circa un’ora dopo la broncoscopia, sorseggiare del thè e assaggiare del pane tostato, inoltre avrei avuto bisogno di qualcuno che guidasse per me per ritornare a casa perchè sarei potuta essere un pò assonnata dopo la sedazione.
In seguito mi sono sentita bene, ho avuto solo un pò di tosse e sentivo la gola irritata. Ho trascorso il resto della giornata a casa e il giorno successivo mi sentivo bene.
Per chi sta pensando di effettuare una broncoscopia come volontario nell’ambito del progetto U-BIOPRED, o chi ha bisogno di fare un controllo alle vie aeree, vorrei dire che fare una broncoscopia può essere un’esperienza preoccupante se non si sa cosa ci aspetta, ma si tratta di una valido esame perchè può aiutare i medici a conoscere meglio le vie respiratorie e a curare le malattie polmonari anche degli altri pazienti.
Breda è il presidente EFA, Associazione di Pazienti Federazione Europea di Allergologia e Malattie Respiratorie, ed è membro del gruppo che si occupa della comunicazione e dell’etica per U-BIOPRED.
Precedente Sigarette Elettroniche: Aiutano anche i Fumatori con Schizofrenia
Prossimo Campioni Uniti Per Vincere

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Iniziative

Anche per il 2018 torna il corso “Strategie e stratagemmi per smettere di fumare”

Il corso è aperto a tutti gli operatori del settore dell’antitabagismo, impegnati in diverse attività compresa quella della commercializzazione delle sigarette elettroniche. Come partecipare? Richiedere l’iscrizione al corso sull’anti tabagismo è semplicissimo. Basta inviare un email a: info@liaf-onlus.org 

Iniziative

“Svapo day”, i manifestanti: “Rendeteci Liberi!”

“Svapo Libero” – è questo lo slogan che centinaia di cittadini italiani ieri mattina hanno urlato tra le strade del centro di Milano. La giornata dello “Svapo Day- La protesta”

Iniziative

Bocciato l’Emendamento per le sigarette elettroniche. Per il firmatario, On. Prodani: “Tutto e’ assurdo”.

E’ stato bocciato stamane in Commissione Finanza l’emendamento firmato dall’On. Aris Prodani (M5S) n. 1.1480 circa la regolamentazione delle sigarette elettroniche in Italia. La proposta intendeva sostituire l’imposta di consumo