Umberto Tirelli da Vespa per parlare di tumori e soluzioni per prevenirli

Umberto Tirelli da Vespa per parlare di tumori e soluzioni per prevenirli

Vuoi arrivare a 90 anni? Controlla la salute tra i 40 e i 60” è questo il titolo della puntata di “Porta a Porta” andata in onda lo scorso 4 Ottobre su Rai1, con ospite eccezionale il prof. Umberto Tirelli, oncologo dell’Istituto Nazionale Tumori di Aviano e membro del Comitato scientifico internazionale per la ricerca sulle sigarette elettroniche.

Un appuntamento speciale per parlare di tumori e stile di vita in grado di prevenire gravi malattie. “In una sola giornata si possono riscontrare 1000 nuovi casi di tumori al giorno in Italia – ha detto Tirelli intervenendo dal noto salotto di Bruno Vespa – che si vanno ad aggiungere ai 3 milioni e mezzo di persone cui è già stato diagnosticato un tumore”.

Numeri altissimi, tra i più alti d’Europa e troppo spesso casi di malattie evitabili, come quelli derivanti dall’abitudine al fumo di sigaretta convenzionale. “Tutti siamo a rischio di malattie cardiovascolari – ha detto Tirelli – ma i rischi aumentano se si fuma, si fa abuso di alcol e se si fa una vita sedentaria. I dati addirittura – ha continuato il professore torinese – dicono che in America negli ultimi 20 anni, il 40% di malati di tumore era o è obeso“.

Uno stile di vita sano incide moltissimo sulla possibilità di prevenire i tumori e smettere di fumare potrebbe salvare la vita a milioni di persone. Ricordiamo, infatti, che è stato proprio a margine del convegno tenutosi a Catania lo scorso Maggio che il prof. Tirelli ha ribadito la sua posizione sull’efficacia di alcuni strumenti alternativi al fumo e utili a ridurre il rischio di malattie fumo-correlate: “La diffusione delle elettroniche – dichiarò Tirelli in quella occasione – come già avvenuto in Inghilterra, potrebbe aiutare a far smettere di fumare milioni di tabagisti in tutto il mondo. E’ ovvio che sarebbe meglio smettere completamente ma la dipendenza dalla nicotina è tale che molti fumatori non riescono a farlo, mentre l’utilizzo delle sigarette elettroniche (che mantengono la gestualità ed il possibile utilizzo di nicotina) rappresenta una risposta efficace nell’ottica della riduzione del danno che un Paese evoluto come l’Inghilterra ha già adottato da tempo”.

RIVEDI LA PUNTATA DI “PORTA A PORTA” – WWW.UMBERTOTIRELLI.IT

 

Precedente Venerdì 17 Novembre a Londra torna l'E-cigarette Summit
Prossimo Il Comitato scientifico LIAF ricorda Umberto Veronesi

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

COP 8 – Polosa: “Sancita la distinzione tra e-cig e bionda”

Dopo la conclusione dei lavori del COP8 di Ginevra, tre associazioni italiane – capitanate da Carmine Canino (presidente Anpvu), Dario Colaianni (presidente Coiv), Antonella Panuzzo (presidente Uniecig) – hanno diffuso proprio ieri una nota di commento alle decisioni prese nell’ambito della Conferenza delle Parti. 

Nella nota, anche una dichiarazione del prof. Riccardo Polosa, direttore del CoEHAR, che ha sottolineato come “Il summit di Ginevra ha sancito per la sigaretta elettronica un momento epocale legalizzando un suo ambito normativo ben chiaro e distinto dagli altri prodotti del tabacco. Era ora!”

In evidenza

Riccardo Polosa sul parere del Ministero: il principio di precauzione non è giustificato dalle evidenze

Anche il prof. Riccardo Polosa interviene sulla questione tassa in Italia: “Inammissibile il parere del Ministero sulla questione riduzione del danno. Il ricorso al principio di precauzione non è giustificato dalle evidenze scientifiche. Public Health England, Royal College of Physicians, e il National Academy of Science hanno pubblicato report ufficiali con i quali si evince chiaramente che le e-cig sono almeno il 95% meno dannose delle sigarette convenzionali

News

Secondo giorno al COP 7. Gli scienziati: “La nostra missione è la riduzione del danno”

Al via da oggi il COP 7 – la Settima Conferenza delle Parti organizzata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità che si sta svolgendo proprio in queste ore in India, a Nuova Delhi. L’incontro, al quale partecipano esperti del settore e rappresentanti istituzionali di tutto il mondo, si concluderà sabato 12 novembre e affronterà le tematiche relative alle politiche di controllo del tabacco che cambieranno l’assetto politico sanitario di molti dei Paesi coinvolti.