USA: più restrizioni sulle ecig, più fumatori

USA: più restrizioni sulle ecig, più fumatori

Un interessante articolo della BBC spiega come e perché le restrizioni sul vaping potrebbero far aumentare di nuovo il numero di fumatori nel mondo.

Il primo dato da considerare è che la maggior parte dei fumatori, in genere, inizia a fumare molto presto. Il fumoall’età di quindici anni, viene considerato quasi come un atto/rito romantico, un momento di “evasione” che permette di superare attimi di ansia o di stress che si vivono nella vita quotidiana. Si pensi ai ragazzi che frequentano ancora il liceo, o agli studenti universitari prima di un esame.

L’idea del fumo è terribilmente associata ad un antistress. Quando il primo tira si fa a quindici anni, si arriva ai venti fumandone sempre di più, poi ai trenta e cosi via … ma quello che contemporaneamente è il senso di colpa e la voglia di smettere che non si associa alla forza di farlo davvero.

Negli ultimi mesi, negli Stati Uniti diversi avvenimenti hanno stravolto alcuni processi di smoking cessation facendo tornare migliaia di fumatori di nuovo al fumo.

Per una breve cronostoria, ricordiamo in primis il fenomeno JUUL (le sigarette elettroniche che hanno fatto tremare le multinazionali del tabacco) e l’ascesa incredibile del numero di utilizzatori che nel giro di poche settimane hanno cambiato le proprie abitudini tabagiche. Poi, purtroppo, la tremenda e misteriosa malattia che ha preso il nome di EVALI. Un’epidemia che ha causato vittime, soprattutto giovani, ustioni chimiche e trapianti polmonari. La causa, come tutti sappiamo, è da considerare relativa alle tracce di THC ritrovate all’interno degli strumenti utilizzati.

Ciononostante, il “panico morale” e spesso non giustificato relativo alla causa di questa epidemia, secondo alcuni esperti, sembrerebbe non chiaro. E sebbene, la prudenza in alcuni casi non è mai troppa, in questo ha proprio stravolta la cronaca quotidiana deviando il pubblico dalla conoscenza della reale causa dell’epidemia.

Questo ha fatto si che le autorità iniziassero una battaglia contro lo strumento, sia sul piano del commercio, sia su quello della regolamentazione. Il risultato è stato un continuo allontanarsi dei fumatori da uno strumento di riduzione del danno. Ricerche e studi, sappiamo, dimostrano che le elettroniche possono essere due volte più efficaci dei cerotti alla nicotina, delle gomme e degli spray. Motivo per cui le autorità sanitarie inglesi promuovono il vaping come strumento per smettere definitivamente.

Nel Regno Unito quasi 50.000 persone hanno smesso di fumare grazie all’utilizzo delle Ecig. In America sono all’incirca 480.000 le persone che muoiono ogni anno a causa del fumo, considerato ancora il nemico n. 1 della salute pubblica.

Ciò significa che la costante attenzione data ai limiti verso le elettroniche potrebbe riportare gli ex fumatori alle sigarette convenzionali. 

In generale, negli Stati Uniti, sta diventando difficile acquistare qualsiasi tipo di sigaretta elettronica ed il risultato non sembra altro che l’aumento del numero dei fumatori.

Precedente Al via il tour di LIAF nelle scuole
Prossimo Diritti umani e politiche pubbliche al GFN 2020

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

News

Sigarette Elettroniche: Aiutano anche i Fumatori con Schizofrenia

 Nel numero di Febbraio della prestigiosa rivista “International Journal of Environmental Research and Public Health” è stato pubblicato una studio che illustra come le sigarette elettroniche abbiano aiutato pazienti con

News

ECIG: nasce Confesercenti per i venditori di vapore

Si riporta di seguito il comunicato stampa pubblicato su CONFESERCENTI al seguente link: www.confesercenti.it/blog/svapo-costituito-il-comitato-promotore-si-tassino-solo-prodotti-alla-nicotina-non-lhardware/ Svapo, costituito il comitato promotore: “non siamo ‘venditori di fumo’, perchè accise come il tabacco?” Nasce

In evidenza

Le morti in America. L’analisi caso per caso

Entrando nel dettaglio dei decessi considerati “da svapo” si nota come non ci siano prove che indichino i normali prodotti contenenti nicotina come responsabili di questo avvelenamento.