Vapitaly – Polosa condivide l’entusiasmo del settore: “Un buon segnale di salute”

Vapitaly – Polosa condivide l’entusiasmo del settore: “Un buon segnale di salute”

polosa tpdNumeri da record per il primo appuntamento della fiera internazionale  del vaping a Verona. Circa 5000 visitatori in giro tra quasi 100  stand, tra i quali anche quello della Lega Italiana Anti Fumo che ha ospitato la seconda edizione del VAPE SHOP STUDY.

Convegni importanti, momenti di dibattito e confronto e soprattutto tanto entusiasmo per “una nuova era dello svapo che sembra essere già iniziata“.

Quello del Vapitaly 2015 è stato un successo straordinario che testimonia non solo una ripresa del settore delle sigarette elettroniche ma anche una rinnovata apertura verso il vapagismo che, come è noto, ha permesso a milioni di persone di smettere  – è questo  il commento del prof. Riccardo Polosa, responsabile scientifico della Lega Italiana Anti Fumo a margine dell’evento che lo ha visto protagonista di due dibattiti importanti -. I dubbi sulla sicurezza delle e-cig sono ormai stati ampiamente fugati – ha aggiunto – e l’efficacia di questi strumenti come alternativa per smettere di fumare, dimostrata in primis dai nostri studi, è ora confermata da altre ricerche internazionali.  La massiccia presenza di pubblico a Verona fa ben sperare in un futuro libero dal fumo”.

Ma il Vapitaly è stato anche il luogo adatto per parlare di TPD  (n.d.r. Tobacco Product Directive) la nuova direttiva EU sui prodotti  del tabacco che include anche norme specifiche relative alle sigarette elettroniche. Si tratta di un argomento caro al prof. Polosa, che è anche coordinatore del gruppo GL 67 “Sigarette elettroniche e relativi liquidi” dell’UNI – Ente Nazionale di Normazione, e che ne ha discusso ampiamente nel corso del convegno dedicato a “Sicurezza e certificazione all’alba della TPD” alla presenza di Renata Solomini, dell’Istituto Superiore di Sanità, Emanuele Ferri, dell’Università Milano Bicocca, Andrea Puglisi, dell’Ente Unico Certificazioni e anche Affair Manager di JTI e Filippo Zini, chimico farmaceutico.

La TPD è inevitabile e cambierà in modo profondo il settore del vapore elettronico. Tuttavia è probabile che assicurerà una maggiore qualità del prodotto e consentirà di puntare di più sull’innovazione e la sicurezza – ha concluso Polosa – . Il gruppo di lavoro nazionale che ho l’onore di guidare aspira a semplificare alcuni aspetti tecnici della TPD, garantendo comunque standard elevati ma sempre e solo basandosi sulle evidenze scientifiche”.

Precedente Help Card, con LIAF arrivano gli sconti in Sanità
Prossimo I 5 alimenti che vi aiutano a smettere di fumare. E quelli che non vi aiutano affatto!

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Approfondimenti

Polosa: “Nuovi accordi con l’Università di New York per la ricerca sui fumatori schizofrenici”

New York 21 Aprile 2016 – E’ iniziato ieri, presso il City University of New York, il primo importante convegno scientifico statunitense sulla riduzione del danno da fumo di tabacco “tobacco harm reduction”. Ospite d’onore dell’ incontro è stato il Prof. Riccardo Polosa che ha affrontato la delicata tematica del potenziale della sigaretta elettronica nella riduzione del danno da fumo di tabacco (harm reduction) nei soggetti affetti da gravi disturbi psichici.

Approfondimenti

LIAF in Parlamento per dire NO al fumo nei corridoi

Il presidente LIAF, Lidia Proietti, sostiene la battaglia dell’onorevole Arianna Spessotto, deputato del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati, che da alcuni mesi si batte perché venga rispettato il divieto di fumo nelle stanze di Montecitorio, proprio li dove la legge è stata emanata.

Approfondimenti

“Ma che sei scemo?”. “Ma scemo a chi?”. La nuova campagna del Ministero contro il fumo

Al via alla nuova campagna del Ministero della Salute per combattere il fumo. “Ma che sei scemo? Il fumo fammale!”. Il commento del prof. Papini, esperto di comunicazione pubblica dell’Università IULM di Milano: “Mi sembra un modo vecchio, superato anche dalla storia”.