Vapitaly – Polosa condivide l’entusiasmo del settore: “Un buon segnale di salute”

Vapitaly – Polosa condivide l’entusiasmo del settore: “Un buon segnale di salute”

polosa tpdNumeri da record per il primo appuntamento della fiera internazionale  del vaping a Verona. Circa 5000 visitatori in giro tra quasi 100  stand, tra i quali anche quello della Lega Italiana Anti Fumo che ha ospitato la seconda edizione del VAPE SHOP STUDY.

Convegni importanti, momenti di dibattito e confronto e soprattutto tanto entusiasmo per “una nuova era dello svapo che sembra essere già iniziata“.

Quello del Vapitaly 2015 è stato un successo straordinario che testimonia non solo una ripresa del settore delle sigarette elettroniche ma anche una rinnovata apertura verso il vapagismo che, come è noto, ha permesso a milioni di persone di smettere  – è questo  il commento del prof. Riccardo Polosa, responsabile scientifico della Lega Italiana Anti Fumo a margine dell’evento che lo ha visto protagonista di due dibattiti importanti -. I dubbi sulla sicurezza delle e-cig sono ormai stati ampiamente fugati – ha aggiunto – e l’efficacia di questi strumenti come alternativa per smettere di fumare, dimostrata in primis dai nostri studi, è ora confermata da altre ricerche internazionali.  La massiccia presenza di pubblico a Verona fa ben sperare in un futuro libero dal fumo”.

Ma il Vapitaly è stato anche il luogo adatto per parlare di TPD  (n.d.r. Tobacco Product Directive) la nuova direttiva EU sui prodotti  del tabacco che include anche norme specifiche relative alle sigarette elettroniche. Si tratta di un argomento caro al prof. Polosa, che è anche coordinatore del gruppo GL 67 “Sigarette elettroniche e relativi liquidi” dell’UNI – Ente Nazionale di Normazione, e che ne ha discusso ampiamente nel corso del convegno dedicato a “Sicurezza e certificazione all’alba della TPD” alla presenza di Renata Solomini, dell’Istituto Superiore di Sanità, Emanuele Ferri, dell’Università Milano Bicocca, Andrea Puglisi, dell’Ente Unico Certificazioni e anche Affair Manager di JTI e Filippo Zini, chimico farmaceutico.

La TPD è inevitabile e cambierà in modo profondo il settore del vapore elettronico. Tuttavia è probabile che assicurerà una maggiore qualità del prodotto e consentirà di puntare di più sull’innovazione e la sicurezza – ha concluso Polosa – . Il gruppo di lavoro nazionale che ho l’onore di guidare aspira a semplificare alcuni aspetti tecnici della TPD, garantendo comunque standard elevati ma sempre e solo basandosi sulle evidenze scientifiche”.

Precedente Help Card, con LIAF arrivano gli sconti in Sanità
Prossimo I 5 alimenti che vi aiutano a smettere di fumare. E quelli che non vi aiutano affatto!

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Approfondimenti

La FDA vieta l’utilizzo di oli con THC

La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti rimane profondamente preoccupata per gli incidenti che hanno causato tre vittime in queste settimane. L’autorità sta lavorando a stretto contatto con i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), così come con le autorità sanitarie per indagare il più rapidamente possibile.

In evidenza

Secondo giorno al COP 7. Gli scienziati: “La nostra missione è la riduzione del danno”

Al via da oggi il COP 7 – la Settima Conferenza delle Parti organizzata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità che si sta svolgendo proprio in queste ore in India, a Nuova Delhi. L’incontro, al quale partecipano esperti del settore e rappresentanti istituzionali di tutto il mondo, si concluderà sabato 12 novembre e affronterà le tematiche relative alle politiche di controllo del tabacco che cambieranno l’assetto politico sanitario di molti dei Paesi coinvolti.

Curiosità

La sanità inglese lancia la prima campagna antifumo che promuove le sigarette elettroniche

In Inghilterra per la prima volta al mondo è stata lanciata una campagna pubblicitaria che invita i fumatori a smettere di fumare utilizzando la sigaretta elettronica. Si tratta della nuova pubblicità governativa del sistema “Stoptober”.