GFN 2015: si conclude la più importante kermesse scientifica sulla nicotina

GFN 2015: si conclude la più importante kermesse scientifica sulla nicotina

Si è concluso a Varsavia il secondo Forum Mondiale sulla Nicotina (Global Forum on Nicotine – GFN). Centinaia i partecipanti a quella che si è ormai confermata come la più importante manifestazione al mondo sulla nicotina. Scienziati, medici, ricercatori, esperti del settore, istituzioni e soggetti politici si sono riuniti ancora una volta nell’Hotel Marriott di Varsavia per affrontare in maniera specifica le grandi problematiche derivanti dal fumo di sigaretta convenzionale.

Anche per questa seconda edizione, LIAF – Lega Italiana Anti Fumo ha orgogliosamente patrocinato il Forum Globale sulla Nicotina essendo ancora una volta tra i partner ufficiali della kermesse scientifica.

Tantissimi gli argomenti al centro del dibattito, tra questi: l’uso di sigaretta elettronica in Cina ed il controllo del tabacco; l’esperienza scandinavo con lo snus; le norme per i prodotti alla nicotina; i prodotti più sicuri per smettere di fumare; i nuovi prodotti a basso rischio e – come dal titolo dell’intervento del prof. Riccardo Polosa – la riduzione del danno del tabacco e l’inversione del rischio.

“Le e-cig non solo hanno un indice di rischio minore del 96% rispetto alle sigarette convenzionali – ha detto Polosa – ma hanno anche il grande potenziale di riuscire a ridurre il danno fumo correlato e persino di ripristinare alcune condizioni di salute a livelli normali. Una rivoluzione che bisogna tenere sempre in considerazione – ha spiegato – sopratutto quando si valutano i parametri necessari per prendere decisioni che riguardano le politiche pubbliche e di salute di tutti gli Stati del mondo”.

La questione scientifica, ricordiamo, è ancora oggi al centro di dibattito internazionale sulla regolamentazione delle sigarette elettroniche come prodotti da tabacco. Ed è proprio in questo ambito che il lavoro svolto da LIAF e dal prof. Polosa, come membro del comitato organizzatore del programma scientifico di GFN 2015, sono stati importantissimi.

me81

Altro momento di orgoglio per LIAF è stato quello dedicato alla premiazione del neo ricercatore LIAF, Dr. Chris Russell, del Centre for Drug Misuse Research di Glasgow premiato come miglior Giovane Ricercatore 2015 (Young Research Award).

 

“Per noi si tratta di un grande risultato – ha commentato Lidia Proietti, presidente LIAF -. Far parte attivamente della più importante comunità scientifica al mondo che indaga sulla nicotina, ricercando soluzioni alle malattie fumo-correlate, ci rende ancora una volta protagonisti della lotta al fumo e ci aiuta ancora di più a combattere questa piaga che distrugge ogni anno migliaia di vite umane”.

 

La scienza della nicotina è in rapido sviluppo, questioni regolamentari sono in cima all’agenda politica degli organi di governo ed i consumatori sono preoccupati per la disponibilità a lungo termine di questi nuovi prodotti. C’è un consenso nascente nel campo della scienza e della salute pubblica per la confermata sicurezza della nicotina e di altri prodotti non combustibili ma lo scetticismo di una parte importante della comunità scientifica internazionale continua a rendere difficile la battaglia. 

 

 

Ciò nonostante, GFN è anche occasione, ormai conclamata, per unire insieme Scienza e Politica e per presentare nuovi progetti di ricerca e diffusione di valide alternative al fumo. Proprio tra questi, il prof. Riccardo Polosa ha illustrato il nuovo programma di ricerca finalizzato al miglioramento delle potenzialità e dell’efficacia delle sigarette milano1elettroniche, ossia il VAPE SHOP STUDY promosso dai medici specialisti del Centro per la Cura e la Prevenzione del Tabagismo dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “Policlinico – Vittorio Emanuele” di Catania e dai ricercatori LIAF – Lega Italiana Anti Fumo e avviato per la prima volta in Italia con grande entusiasmo. Si tratta, infatti, di uno studio clinico che coinvolgerà tutti gli operatori del settore delle sigarette elettroniche, in particolare i negozianti, e che si propone formare i negozianti di e-cig introducendoli al counselling antifumo e specializzandoli, cosi da renderli in grado di accompagnare i fumatori in un percorso di assistenza e consulenza utile per smettere definitivamente di fumare.


INTERVENTO DEL PROF. RICCARDO POLOSA AL GFN 2015

Precedente No Tobacco Day 2015: “Realtà virtuale per smettere di fumare”
Prossimo Il divieto di svapo nei luoghi pubblici e nei luoghi di lavoro

Autore

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Curiosità

UN’ALTRA BATTAGLIA VINTA! RIPRISTINATO IL DIVIETO DI FUMO A MONTECITORIO

Grazie alla battaglia condotta dall’on. Arianna Spessotto (M5s), che anche noi abbiamo sostenuto e condiviso, da oggi il divieto di fumo è finalmente di nuovo applicato (in parte) anche a Montecitorio. E’ stata disattivata, infatti, l’area per fumatori localizzata nel corridoio semicircolare retrostante l’Aula di Montecitorio dove per anni i deputati hanno continuato a fumare nonostante le regole imposte dalla Legge Sirchia.

Consigli per smettere

“La verità sulla sigaretta elettronica”. Ai microfoni di LIAF parla l’autore, Fabio Beatrice

Ancora una puntata della nostra rubrica “Stare bene senza fumo”. Oggi, al microfono degli esperti della Lega Italiana Anti Fumo abbiamo invitato il dott. Fabio Beatrice, autore dell’ultimo libro dal titolo “La verità sulla sigaretta elettronica” che, proprio per i temi affrontati e le argomentazioni date, ha riscosso un particolare successo mediatico nelle ultime settimane. Come hanno scritto i giornalisti, si tratterebbe: “del libro che svela davvero come dire addio alle convenzionali bionde”.

Iniziative

Un nuova iniziativa a sostegno dello svapo dalla Commissione Europea

Novità importanti dalla Commissione Europea. La Commissione ha appena registrato l’iniziativa di partecipazione pubblica intitolata: “Facciamo richiesta di una regolamentazione dello svapo più intelligente!”