Venerdì 17 Novembre a Londra torna l’E-cigarette Summit

Venerdì 17 Novembre a Londra torna l’E-cigarette Summit

Come ogni anno, Venerdì 17 Novembre a Londra torna l’E-cigarette Summit, l’appuntamento ormai consolidato con gli scienziati e gli esperti di tutto il mondo in tema di fumo e sigaretta elettronica.

Non c’è dubbio, infatti, che questi dispositivi siano ancora oggi al centro di una delle questioni di salute pubblica più dibattute di tutto il mondo e proprio per questo gli esperti di controllo del tabacco, di sanità pubblica e della comunità scientifica di tutto il mondo si incontreranno, ancora una volta, in Inghilterra, il Paese che più di tutti in Europa ha combattuto il tabagismo agevolando la diffusione dello svapo con ottimi risultati sia in termini di riduzione del rischio, sia in termini di riduzione del numero di fumatori. 

Alla Royal Society con loro ci sarà anche il prof. Riccardo Polosa, speaker dell’evento e relatore delle sessioni riguardanti l’ambito scientifico: “Sono lieto ed onorato di poter partecipare di nuovo a questo evento che ha dimostrato negli anni di rappresentare un palcoscenico neutrale ed imparziale – ha detto oggi lo scienziato catanese – Londra è il punto di osservazione tramite il quale posizioni ed idee diverse hanno potuto incontrare il giusto accordo, valutando ed analizzando dati reali e arrivando così a proporre le soluzioni più adatte e condivise per la lotta al tabagismo nel mondo“. 

Dall’incontro inaugurale del novembre 2013, l’E-cigarette Summit è stato il vertice più all’avanguardia nel dibattito scientifico ed in quello sanitario internazionale. Sin da allora, il Regno Unito si è dimostrato come un sostenitore attivo nella riduzione del danno provocato dal fumo di tabacco, attuando misure rigorose e proponendo un dialogo sempre costante e aggiornato con le autorità governative.

I temi al centro del dibattito dell’edizione 2017 risponderanno a queste domande:

  • Quanto è valutata la riduzione del danno ed i diversi approcci politici e regolatori?
  • A che punto siamo su sicurezza e la ricerca?
  • Esiste un impatto per l’utilizzo della nicotina e la dipendenza degli svapatori? 
  • Che utilizzo fanno i dual-user? 
  • Heat not Burn e E-cig: differenze e similitudini?
  • Pubblicità e restrizioni?
  • Strumento medicale: è una valida soluzione?
  • Cosa dicono le evidenze scientifiche in merito alla cessazione da fumo?
  • Quali sono i rischi per la salute rispetto allo svapo passivo?
  • Se le sigarette elettroniche sono così buone, perché non tutti i fumatori utilizzano?

Precedente USA: sostituire l'e-cig alle sigarette convenzionali farebbe quasi 7 milioni di morti in meno
Prossimo Umberto Tirelli da Vespa per parlare di tumori e soluzioni per prevenirli

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 224 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

News

Polosa al simposio internazionale sulle e-cig: “Potranno essere usate per somministrare farmaci”

In Francia, in queste ore, il Simposio internazionale dedicato alle sigarette elettroniche per smettere di fumare. Tra i relatori c’è anche Riccardo Polosa, con l’atteso intervento sulle future applicazioni della sigaretta elettronica alla medicina: “Le elettroniche potrebbero essere impiegate anche nella somministrazione di farmaci, assicurando una migliore efficacia, semplificando i metodi tradizionali e soprattutto assicurando una maggiore aderenza per i pazienti”.

Comunicati stampa

Il nuovo logo CoEHAR

PUBBLICATO IL NUOVO LOGO DEL CENTRO DI RICERCA PER LA RIDUZIONE DEL DANNO DA FUMO DELL’UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI CATANIA La vincitrice del bando di concorso indetto dall’Università degli Studi di Catania

News

Chiuse le iscrizioni alla ISPM, più di 70 richieste da 20 Paesi diversi

Chiuse le iscrizioni alla prima ISPM International Summer School on Project Management organizzata dal CoEHAR. La prima edizione è già un successo, pervenute più di 70 richieste di partecipazione da 20 Paesi diversi.