World Cancer Day: il monitoraggio del fenomeno non basta più

World Cancer Day: il monitoraggio del fenomeno non basta più

Oggi è il World Cancer Day, la Giornata Mondiale contro il Cancro organizzata dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Il primo passo per prevenire efficacemente lo sviluppo dei tumori è adottare uno stile di vita sano. E smettere di fumare è indispensabile.

Lo slogan del 2019 è: “I am and I will” 

“Chiunque tu sia, hai il potere di ridurre l’impatto del cancro per te stesso, per le persone che ami e per tutto il mondo. È tempo di prendere un impegno”.

Per il prof. Riccardo Polosa, direttore del CoEHAR, Centro di Ricerca per la Riduzione del Danno da Fumo dell’Università degli Studi di Catania:

Adottare stili di vita sani, evitando le cattivi abitudini, è il primo passo per prevenire i tumori. In Italia nel 2018 si sono registrate più di 373.000 nuove diagnosi di tumore e questo dato è allarmante.

Il fumo e l’obesità sono cause modificabili della comparsa di alcuni tumori.

Il monitoraggio del fenomeno non basta più. Abbiamo il dovere di proporre soluzioni concrete soprattutto per coloro i quali importanti cambiamenti degli stili di vita risultano difficili. Smettere è vitale. Ancora più importante è smettere limitando l’incremento di peso come sta emergendo da studi recenti con le sigarette elettroniche. Proporre strumenti tecnologici alternativi è un approccio utile e innovativo per prevenire tumori“.





Precedente Ecig: un nuovo importante studio ne dimostra l’efficacia
Prossimo Commissione Tecnica per gli Standard di Qualitá e Sicurezza delle E-cig. Prime norme tecniche in arrivo.

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 225 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

Comunicati stampa

Nuovo report di PHE: In Inghilterra, 3 milioni di svapatori. Altra pietra miliare per il futuro dello svapo

Ieri, martedì 6 Febbraio, è stato fatto un nuovo ed importante passo per la ricerca sulle e-cig. Il Public Health England (PHE), l’autorità sanitaria inglese, ha pubblicato – dopo tre anni dal precedente –  il nuovo rapporto sulle sigarette elettroniche che riguarda: la regolamentazione, i modelli di utilizzo, l’efficacia nella cessazione del fumo, la sicurezza della nicotina e i nuovi prodotti a base di tabacco riscaldato.

Approfondimenti

Giovani e svapo: i risultati di un nuovo studio di Farsalinos, Polosa e Tomaselli

Un nuovo studio – firmato da Konstantinos Farsalinos dell’Università di Patras, Venera Tomaselli e Riccardo Polosa dell’Università di Catania e pubblicato tra le pagine dell’American Journal of Preventive Medicine – ha dimostrato che l’uso di sigarette elettroniche è molto più diffuso tra gli adolescenti già fumatori rispetto a quelli che non hanno mai fumato.

Comunicati stampa

Il nuovo libro sulle e-cig scala le classifiche di Amazon

Polosa: “Si tratta di uno strumento di conoscenza che, per coloro che lavorano in questo campo, rappresenta una guida indispensabile ed una fonte informativa essenziale”