World No Tobacco Day 2019

World No Tobacco Day 2019

Si avvicina il World No Tobacco Day 2019 e come ogni anno il 31 Maggio sarà Stop Smoking, la giornata che incoraggia i fumatori ad astenersi per almeno 24 ore dal fumo di sigarette convenzionali.

Se non saranno attuate efficaci politiche di contrasto, entro il 2030 moriranno ogni anno oltre 8 milioni di fumatori – hanno dichiarato i vertici dell’OMS – e più dell’80% dei decessi si verificherà tra le persone che vivono nei paesi a basso e medio reddito. Il controllo del tabacco deve rappresentare una priorità per i governi e le comunità di tutto il mondo“.

Il tema di quest’anno è la tutela dellasalute dei polmoni.

Il team del CoEHAR, diretto dal prof. Riccardo Polosa, ha già condotto numerosi studi sull’argomento e nello specifico ha pubblicato una ricerca sugli effetti dell’utilizzo di sigarette elettroniche sul polmone, analizzando sia fumatori in salute, sia quelli con preesistenti malattia polmonari. I risultati sono stati incoraggianti e hanno evidenziato un effetto benefico derivante dall’uso dell’e-cig in relazione agli esiti respiratori. Presi tutti insieme, gli studi condotti dal CoEHAR provano che l’uso della sigaretta elettronica come alternativa al fumo di sigaretta convenzionale può ridurre sostanzialmente il danno provocato dal fumo al sistema respiratorio.

Sulla scia delle numerose iniziative in programma per il 2019, Giovedì 30 Maggio alle ore 10.30 presso la Fermata AMT Due Obelischi di Catania, il direttore del CoEHAR, Riccardo Polosa, presenterà alla stampa l’ultimo progetto targato CoEHAR, AMT e Unict che coinvolgerà tutti gli abbonati al servizio di trasporto pubblico della città.

Una interessantissima iniziativa che permetterà a migliaia di fumatori catanesi di richiedere supporto e collaborazione per allontanarsi definitivamente dall’abitudine al tabagismo.

Parteciperanno alla conferenza stampa: il Rettore dell’Università degli Studi di Catania Francesco Basile; il sindaco di Catania Salvo Pogliese; il presidente di AMT Giacomo Bellavia ed il presidente della Lega Italiana Anti Fumo Ezio Campagna.


Precedente Sassari, stop al fumo in spiaggia
Prossimo Italia, la penisola delle spiagge smoke free

Autore

Valeria Nicolosi
Valeria Nicolosi 220 articoli

Valeria Nicolosi è giornalista, esperta in progettazione e comunicazione pubblica (sociale e istituzionale). Laureata in Programmazione delle Politiche Pubbliche nell’Università degli Studi di Catania, è anche masterizzata in Comunicazione Pubblica nell’Università IULM di Milano. L'amore e l'interesse nei confronti della formazione dell'opinione pubblica l’hanno portata a collaborare come consulente per LIAF con l’obiettivo di aiutarli a definire azioni utili per la diffusione e la sensibilizzazione della cultura antifumo. Valeria è oggi press office di LIAF e collabora anche con istituzioni ed enti pubblici diversi.

Visualizza tutti gli articoli di questo autore →

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli

In evidenza

Sydney – Polosa invitato ad intervenire in Senato per valutare l’efficacia delle elettroniche

Anche il Parlamento australiano risponde alla richiesta degli scienziati di garantire una maggior tutela per i fumatori che vogliono smettere di fumare utilizzando la sigaretta elettronica. E’ stata istituita a Sydney una commissione scientifica che interverrà in Senato per proporre l’adozione di politiche antifumo più attente alle esigenze ed alle scelte dei singoli ed al loro impatto sulla comunità.

Iniziative

5 Milioni di fumatori in meno anche in America grazie alle e-cig

Si è appena concluso il convegno dedicato alle sigarette elettroniche tra fisco e regolamentazione. Nella Sala degli Atti Parlamentari in Senato a Roma per tutta la mattina di oggi numerosi esponenti del panorama istituzionale e scientifico sono intervenuti per parlare dello sviluppo sia scientifico che normativo della sigaretta elettronica.

News

Sondaggio sulle sigarette elettroniche: collabora anche tu alla Ricerca

La LIAF invita gli svapatori italiani a partecipare a un sondaggio sulle proprie percezioni ed esperienze di utilizzo per contribuire alle conoscenze e dare risposte agli enti regolatori. Il questionario, elaborato dal Dr. Russell del Centre for Drug Misuse Research di Glasgow (UK), è ora disponibile anche in italiano grazie all’impegno dei ricercatori del Centro di Prevenzione e Cura del Tabagismo dell’Universitá di Catania.